Beccati i rapinatori di Cornaredo. Merito dei carabinieri

Cornaredo –  Nel novembre del 2015 ferirono un carabiniere sparando tra la folla dopo una rapina. Oggi sono stati arrestati. Ne danno l’annuncio gli stessi carabinieri, del comando provinciale di Milano, con un comunicato stampa.

Pubblicità

Ne avevamo scritto. La rapina era stata davvero impressionante per la violenza dei delinquenti che non avevano esitato a sparare fra la folla. Oggi, dopo delle lunghe indagini, i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno completato l’opera, arrestando e conducendo in carcere tre persone. Secondo il Gip che ha emesso l’ordinanza, in base alle indagini dei carabinieri, i tre italiani, un 25enne e due fratelli di 26 e 28 anni, sono i responsabili di una serie di rapine ad istituti di credito ed esercizi commerciali dell’hinterland milanese, commesse dal 2014.

Pubblicità

laura molteni fdi

Fra queste fra queste anche la rapina di Cornaredo, avvenuta nel novembre del 2015. Le accuse sono di tentato omicidio, sequestro di persona, rapina, furto e ricettazione. il 25enne e il 26 enne sono stati accusati anche del tentato omicidio del carabiniere verso il quale erano stati esplosi 6 colpi di pistola l’agghiacciante modus operandi dei colpevoli.  Si mettevano sul viso delle maschere di plastica, portavano dei giubbotti anti proiettile e  delle armi vere, che non esitavano ad usare. Solo per un caso non hanno ucciso nessuno, ma chiaramente l’intenzione era quella di fare del male alla gente rapinata.  Tempo e pazienza e lunghe intercettazioni ambientali che hanno permesso di avere le confessioni dei colpevli, mentre parlavano fra loro del colpo effettuato.

Ecco la vicenda

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui