Ambrogino d’oro 2017 a Venazio Gibillini, classe 1925

Durante la riunione del consiglio comunale oggi pomeriggio alle 16.30, il sindaco Sala ha insignito con l’ambrogino d’oro Venazio Gibillini, sopravvissuto ai campi di concentramento. Il consiglio comunale era dedicato alla Giornata della memoria.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Il sindaco Sala ha così motivato il premio, parlando di Venazio Gibillini. “Milanese sopravvissuto ai campi di concentramento di Bolzano e di Flossemburg, ha vissuto con ferma dignità di cittadino l’adesione ai valori della libertà e della democrazia opponendo alla barbarie nazifascista una coscienza limpida e un coraggio esemplare. Soldato dell’Esercito Italiano, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 rifiutò di aderire ai bandi di arruolamento della Repubblica Sociale Italiana.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

A Bolzano e poi a Flossembur

Arrestato dall’ufficio politico fascista e incarcerato a San Vittore, fu deportato a Bolzano e poi a Flossemburg. Destinato a un campo di lavoro forzato, fu liberato il 25 aprile 1945. Fin dal dopoguerra Gibillini ha intrapreso una insostituibile opera di testimonianza in particolare presso i giovani delle scuole milanesi e lombarde. Milano è grata a Venanzio Gibillini per il suo luminoso esempio di coraggio e per la infaticabile testimonianza dei valori ambrosiani di libertà, antifascismo e difesa della democrazia”.

Un premio alla classe 1925

Attualmente Venazio Gibillini ha 92 anni. Il racconto personale di un uomo che conta quasi un secolo di vita merita sempre attenzione. Le sue vicende e le sue avventure si incastrano nella storia del peggior periodo della storia milanese. Quello fra l’8 settembre 1943 e la fine della guerra nel 1945. Giovani ragazzi, quelli nati nel 1925, che hanno lottato per sopravvivere. Erano appena appena consapevoli e hanno preso decisioni che hanno segnato per sempre la loro vita e le loro idee. In un batter d’ali, e al buio, hanno preso la decisione che li avrebbe salvati o portati alla morte.

Pubblicità

Che si arruolassero nella Rsi o fuggissero nella resistenza, finivano sempre nei campi di concentramento o a rischiare di essere uccisi in altri modo e per mani diverse. C’è stato chi è tornato e chi no. Era la guerra. Una guerra in cui tutti avevano un nemico personale. Il Sindaco Sala non intendeva premiarne uno per premiare il coraggio di tutti i ragazzi del 1925. Intendeva sottolineare solo un aspetto del Giorno della Memoria. Però tutti loro meritano un Ambrogino d’oro. Non fosse altro che per essere riusciti ad arrivare fino a qui. A ricordare e raccontare i fatti di quei giorni maledetti.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui