Magazine

La strana vita che si muove metrò a Milano

Milano considera la pazzia una lecita forma di libertà alternativa. Sull’autobus sale una donna sui settant’anni, ordinata e ben vestita, capelli a caschetto, senza ricrescita. Borsetta intonata alle scarpe. Timbra il biglietto. Sorride, e dalle labbra le esce una raffica di parolacce feroci. Sta insultando qualcuno ma non parla al telefono. Scende alla fermata, sempre urlando le parolacce peggiori. Nessuno fa commenti. Poco dopo sulla banchina del Metrò appare una cinquantenne a piedi nudi, con un camicione di sacco. Cammina fra la gente cantando, parlando di gloria e invitando alla conversione. Esce da Hair o emula San Francesco? Nessuno ci fa caso, anzi. Tolleranza massima, nessun imbarazzo.

Pubblicità

Ricordando C.T. Liberi e alternativi

Come negli anni ottanta, quando Carlo Torrighelli frequentava le vie intorno al Castello Sforzesco con il suo triciclo a motore e i tre cani, La Bella, L’Amur e L’Umanità. Lo conoscevano tutti e nessuno gli mancava di rispetto. Scriveva sui muri e sui marciapiedi.“Popolo bue. La chiesa ti uccide con l’onda”, si copriva la testa con il domopak e predicava contro Urss, Usa e Vaticano. Nel 2005, i Teka P, gruppo rock di lingua milanese, gli dedicarono una canzone: C.T., inserita nell’album “Caragna No” (Non piangere). Diceva: “Cuma l’è, cuma l’è che podi mia parlar?” Perché non posso parlare?

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.