OssonaPrima Pagina

A mensa c’è il Cook and Chill. E la mozione schiscetta?

Ossona – Questa mattina la presentazione del nuovo servizio mensa unificato per le scuole di Ossona. I gestori dell’azienda Sodexo hanno illustrato il metodo Cook and Chill, utilizzato da quest’anno. Il costo del pasto rimane invariato. Intanto in regione Lombardia è approvata la “mozione schiscetta”, presentata dal M5stelle, per poter portare a scuola il cibo preparato a casa.

Pubblicità

presentazione mensa ossonaDa quest’anno la mensa scolastica di Ossona è fornita dalla società Sodexoo che ha il suo Maxi centro di cottura a Pioltello. Questa mattina dei gestori dell’azienda hanno presentato ai genitori il loro metodo di cottura. Infatti i primi giorni di scuola i genitori si sono preoccupati perchè i bambini hanno di aver avuto il cibo freddo in alcuni vassoi sigillati. Il racconto dei bambini sul metodo di cottura del cibo e la notizia che il nuovo centro di cottura era piuttosto lontano da Ossona, ha spinto i genitori ad volerne sapere di più. Durante l’incontro e confronto con i genitori è stato quindi illustrato il metodo di cottura Cook and Chill. Purtroppo i presenti erano pochi. Fra genitori e componenti del consiglio comunale si raggiungevano all’incirca le 23 persone.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Cook and Chill

Il cibo preparato nel centro di cottura di Pioltello viene immediatamente raffreddato a -3 gradi e poi trasportato sigillato in modo da non avere contaminazioni fino alle scuole di Ossona e degli altri paesi dove, nei forni installati dalla ditta stessa, è riportato alle temperature adatte ad essere servito. Durante la presentazione sono state poste diverse domande sul metodo e sulla sua salubrità. La riunione era pubblica. Infatti i fruitori di questo tipo di cibo saranno diversi. Si è anche parlato dei costi, che rimangono invariati all’utente finale. Un pasto costerà infatti 4,20 euro. Al comune costerà invece 4.80. I 60 centesimi di differenza saranno a carico delle casse comunali. Il punto centrale della discussione è stata naturalmente la qualità del cibo proposto ai bambini.

Pubblicità

Il bando di gara comune avrebbe dovuto abbattere i costi della mensa

Durante uno dei consigli comunali dell’anno scorso era stata discussa la convenzione  per la mensa scolastica. L’amministrazione comunale aveva effettuato il bando per l’assegnazione del servizio mensa insieme ad altri Comuni della zona. Il bando comune garantiva, avevano detto, un abbattimento dei costi dei pranzi. Comprendeva le mense scolastiche di tutti gli ordini di scuola statale, ma anche tutti quegli altri casi in cui il comune aveva la necessità di fornire il cibo a domicilio. Ad esempio agli anziani che sono ancora in grado di vivere da soli ma che hanno un’autonomia ridotta, e quindi si preferisce  portare loro a casa almeno un pasto al giorno. In questa occasione si era già parlato del metodo di Cook and Chill e dei risparmi che avrebbe portato, senza intaccare la qualità del cibo servito ai bambini e agli anziani.

La mozione Schiscetta

Questa scelta del comune di Ossona arriva quando il M5stelle ha ottenuto l’approvazione del consiglio regionale della mozione schiscetta. La legge regionale è dello scorso gennaio, come si può leggere al’indirizzo che vi abbiamo linkato. La mozione schiscetta ristabilisce il principio che il cibo preparato dalla mamma ha valore educativo tanto quanto quello della scuola. Un concetto che con l’introduzione della mensa come tempo scuola era stato svilito. Ora è permesso quindi l’utilizzo dei locali della mensa anche per i bambini che si portano il cibo da casa. Dopo l’approvazione della mozione da parte del consiglio regionale la palla è passata all’assessorato regionale di Valentina Aprea. Vanno studiati i cambiamenti di tutti i regolamenti che esistono in questo campo.

Pubblicità

La Mozione Schiscetta 2

Una nuova mozione è stata presentata dal consigliere Paola Macchi (M5S). Chiede di valutare gli aspetti organizzativi per permettere agli studenti della scuola dell’obbligo di portare il pasto da casa. E stata approvata dalla Commissione Regionale Cultura e Istruzione questa settimana. L’Assessore Valentina Aprea si è impegnata “personalmente” ad aprire un tavolo di confronto, anche con ANCI, per trovare le vie di applicazione. Nello specifico la giunta regionale è impegnata a convocare un incontro d’urgenza con l’Ufficio Scolastico Regionale per valutare gli aspetti organizzativi. Il fine è di offrire la possibilità di scelta tra il servizio di ristorazione e il pasto da casa. Promuovere, inoltre, l’istituzione di un tavolo di confronto con la partecipazione dell’ufficio scolastico regionale ANCI, i consiglieri e le associazioni dei genitori.

Paola Macchi: E’ una questione di libertà di scelta

Per il cons. reginale dei 5 stelle si tratta di ristabilire anche un diritto di scelta. “E’ una questione di libertà di scelta e l’importante sentenza della Corte d’Appello di Torino (n. 1049 del 21 giugno 2016) che ha stabilito che i genitori devono poter scegliere tra la mensa scolastica e il pranzo al sacco per i figli ci dà ragione. In poche settimane abbiamo raccolto oltre 3 mila firme di genitori. Chiedono la possibilità di scegliere e contestano un sistema sempre più basato su maxi-centri di cottura che sfornano pasti che verranno consumati a ore di distanza e che hanno un costo pro-capite che in certi casi è uguale o superiore al buono pasto dei lavoratori. La possibilità di portare il pasto da casa porterà inevitabilmente i gestori a migliorare anche la qualità e i costi delle mense.

Abbiamo chiesto anche all’Assessore di fare un’indagine sul territorio per rendere omogenea la gratuità delle mense per le famiglie che hanno maggiori difficoltà economiche”.
“La Lombardia si è già detta favorevole a una nostra mozione per consentire la schiscetta a scuola. Ci auguriamo che questo sia l’anno della svolta per il pasto da casa a scuola e per un miglioramento della qualità delle mense”.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.