PoliticaPrima Pagina

Bocciati PD e sfiducia a Maroni (in un colpo solo)

Lombardia – Questa mattina alle 10.00 il Consiglio della regione Lombardia ha respinto la mozione presentata dal PD, Partito Democratico, e sostenuta dal movimento 5 stelle che chiedeva alla maggioranza dei consiglieri di togliere la fiducia al Presidente Roberto Maroni e al Governo Lombardo, per tornare al voto. Roberto Maroni ha commentato su Twitter e su Facebook: “Grazie alla mia maggioranza in @LombardiaOnLine per la fiducia che oggi compattamente mi ha riconfermato.”

Pubblicità

Maroni si tiene la fiduciaLa mozione di sfiducia presentata dal Partito Democratico, e firmata anche dal Movimento 5 stelle, contro il presidente Roberto Maroni è stata discussa oggi in Consiglio regionale. Al termine delle dichiarazioni di voto il presidente dell’assemblea, Raffaele Cattaneo, ha posto in votazione la mozione di sfiducia presentata dall’opposizione che è stata respinta con 47 No, 30 Si e un non partecipante. Un completo fallimento delle opposizioni che tentavano di ottenere uno scompaginamento della maggioranza facendo leva sui tentativi di screditare l’assessore al bilancio Massimo Garavaglia e di aggravare la posizione di Mario Mantovani, ex assessore alla Sanità  e ora vicepresidente in autosospensione. Le opposizioni hanno fatto male i calcoli perchè la maggioranza ha risposto compatta a presidente accordandogli la fiducia richiesta per continuare a governare senza alcun problema.

Pubblicità

Difatti negli ultimi giorni, prima ancora che fosse ufficializzata la mozione presentata, Roberto Maroni aveva incontrato i segretari dei partiti che compongono la maggioranza e i capigruppo, assicurandosi la continuazione della legislatura. Da quello che è successo non si può evitare di riconoscere una manovra di tipo politico che è partita sicuramente con una fuga di informazioni dal tribunale, che sono state montate ad arte con un crescendo di articoli dei quotidiani online cartaceo cercando di portare a all’esasperazione le vittime dello “sputtanamento”, a cui in genere, secondo una ormai ben conosciuta strategia mediatica, seguono delle dimissioni e spesso la rinuncia. Questa volta non è andata così. Le vittime hanno resistito benissimo allo sputtanamento, non si sono dimesse, sono state difese, la maggioranza si è ricompattata e il Pd si è attapirato.
Sul sito della Lega nord hanno commentato il voto di questa mattina in Regione Lombardia con una certa ironia: “Lombardia, bocciata la mozione di sfiducia a Maroni. La Sinistra si deve arrendere al fatto che, per governare la Lombardia, prima dovrà vincere le elezioni.” Il riferimento è naturalmente è al ruolo di Matteo Renzi che governa pur non essendo stato votato.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.