OssonaPrima Pagina

A Busto Garolfo in tanti piangono Adriana Petrelli

A Busto Garolfo in tanti hanno partecipato questo pomeriggio ai funerali di Adriana Petrelli, moglie del generale dei carabinieri, ora in pensione, Sergio Capone.

Pubblicità

La chiesa era piena di parenti, amici, dei suoi colleghi, di quelli del marito e del figlio Luca, ma anche di tanti fiori. “Amava i fiori e amava la musica” ricorda malinconicamente il marito. “Per questo le onoranze funebri Lista di Busto Garolfo, oltre a curare le pratiche del triste rimpatrio, hanno fatto in modo che la Messa dei suoi funerali fosse accompagnata dal canto del soprano Barbara Bianchi.”
“Volevo che più che un funerale fosse un trionfo; vorrei che lo pensassero tutti. E se Adriana da lassù ha visto questo avvenimento, organizzato per lei, ne sarà contenta.”

Pubblicità

Nelle parole commosse del generale Capone si legge tutto il desiderio di celebrare la vita della moglie ricordando come il concludere una vita vissuta bene, amata e rispettata da chi ci è vicino, è un trionfo anche sulla tristezza di un distacco troppo precoce.

Pubblicità

Adriana Petrelli era stata vittima di un infarto lo scorso 20 febbraio, mentre si trovava a Lisbona, durante un tour per visitare il paese. Proprio quel giorno il viaggio avrebbe fatto tappa a Fatima. Era nata il 26 febbraio del 1946 a Carmiano di Lecce e, seguendo gli spostamenti di servizio del marito, aveva vissuto a Sestri Levante, Biella, Rho e infine a Busto Garolfo. Dopo il funerale, sarà tumulata nel cimitero di Busto Garolfo in attesa di essere trasferita nella tomba di famiglia a Vinovio di Torino.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.