Claudio Borghi Aquilini candidato Lega Nord in Toscana

Claudio Borghi Aquilini candidato Lega Nord in ToscanaToscana – Claudio Borghi Aquilini, responsabile del settore economia della Lega Nord e protagonista della campagna No Euro è stato scelto dal Consiglio Nazionale della Lega Nord Toscana come candidato presidente per le prossime elezioni regionali della regione di Renzi. Lo ha annunciato lo stesso Borghi Aquilini con un Tweet, in tarda serata del 9 febbraio.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Borghi vuol cacciare il PD

Il consiglio nazionale della Lega Nord della Toscana ha votato la candidatura dell’economista che ha accettato. Non si conoscono ancora i simboli e le liste che sosterranno la candidatura di Claudio Borghi Aquilini, oltre alla Lega Nord.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Niente meline: velocità, decisione e praticità

La candidatura di Claudio Borghi Aquilini da parte del consiglio nazionale della Lega Nord Toscana spazza via tutte le teorie che si sono sparse in questi giorni su altre possibili candidature di coalizione di centro destra alle regionali, ma da il via a due sfide per la Lega nord: quella di portare tutto il centro destra a votare per un candidato scelto dalla Lega Nord e quella di minare le fondamenta su cui si basa il potere di Matteo Renzi. Insomma, si porta la guerra a casa del capo del governo.  Vincere la prima sfida sarà abbastanza semplice. Per quanto milanese e non toscano, Claudio Borghi Aquilini non è un leghista storico e può quindi mediare meglio nell’ambito delle possibili alleanze che possono nascere da questa candidatura. Il professore anti euro, infatti, ha annunciato con un altro messaggio su Twitter che sentirà e consulterà tutti i gruppi, anche i rappresentanti del movimento  5 stelle che in questi mesi stanno portando avanti una proposta di referendum per uscire dall’euro, e che quindi potrebbero esser interessanti a portare avanti la battaglia, perlomeno in Toscana, insieme all’unica altra forza anti euro che c’è in italia, la Lega Nord. La seconda sfida, invece, quella di battere il candidato proposto da Matteo Renzi nella terra rossa per eccellenza, è già chiamata dai giornali “mission impossible”, ma chissà. Ci sono diversi tipi di obiettivi: l’obiettivo massimo è governare la Toscana, ma potrebbero esserci anche gli obiettivi intermedi, come quello di raddoppiare o quadruplicar i consensi, o ottenere un numero di consiglieri che possa essere determinante. Non è difficile comprendere che le elezioni regionali della Toscana si riveleranno determinanti anche per gli equilibri della politica italiana, a queste condizioni. Basta vedere quanto successo in Emilia Romagna e quanto oggi la Lega Nord riesca, con la sua azione politica, a modificare le posizioni e gli avvenimenti di quella regione anche senza aver vinto le elezioni.

Chi pensava che Matteo Salvini potesse essere preso sottogamba, con la candidatura di Borghi, frutto di una decisione presa senza meline rituali, ha dovuto ricredersi. I ritmi della politica del centrodestra oggi li impone la Lega Nord e sono ritmi veloci, tanto quanto la connessione del tablet del suo segretario federale. Le altre sigle politiche sembrano non avere molte scelte: o tengono il passo, o si mettono in coda.

Pubblicità

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui