PoliticaPrima Pagina

Fabrizio Cecchetti: proteggiamo i giovani lombardi da Aids e Hiv

fabrizio2Fabrizio Cecchetti, vicepresidente del consiglio della regione Lombardia, appartenente alla Lega Nord,  preoccupato per l’aumento della percentuale di nuovi casi di Aids e di sieropositivi, si è fatto promotore di una proposta di legge che permetta alla regione Lombardia di distribuire gratuitamente preservativi nei luoghi di maggiore aggregazione giovanile, come scuole superiori, discoteche, cinema. Negli ultimi tempi l’aumento di casi di aids ha riguardato soprattutto le nuove generazioni e si sono trasmesse soprattutto per via sessuale.

Pubblicità

L’iniziativa di legge lombarda ha già raccolto l’adesione di 28 consiglieri regionali e ha avuto il plauso delle opposizioni.
Una iniziativa simile era stata presa anche dalla provincia di Milano, nel gennaio del 2013, quando il consiglio provinciale di centrodestra aveva votato a favore di una mozione del Pd promossa dal capogruppo Caputo, che mirava a installare distributori di preservativi nelle scuole superiori per sensibilizzare adolescenti e giovani sulla trasmissione delle malattia per via sessuale.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

Fabrizio Cecchetti ha dichiarato che sono le statistiche che invitano a prendere questi provvedimenti. La Lombardia è la regione con il maggior numero di nuovi casi di Aids all’anno. Si parla di 1050 nuovi casi di HIv e Aids ogni anno, con una media giornaliera di 3 casi. La percentuale è del 26,7%  più alta che nelle altre regioni.

Pubblicità

Questa statistica è segno che i giovani Lombardia sono ben poco sensibilizzati e che hanno bisogno di capire che, se fanno sesso, devono farlo in modo sicuro, proteggendo sé stessi e gli altri.

Lo scorso 13 gennaio, il consigliere regionale Jolanda Nanni (Movimento 5 stelle) aveva presentato (ordine del giorno 142) una mozione al bilancio, che era stata rifiutata per motivi tecnici e, durante la discussione, aveva chiesto alla presidenza del consiglio regionale di attivarsi perché fossero utilizzati i fondi che la regione Lombardia aveva ricevuto specificatamente per  finanziare il progetto “Sorveglianza e controllo dell’infezione da Hiv” . Si tratta di 2milioni e 751mila 390 euro che al momento, secondo quanto riferito a gennaio dall’ assessore Mantovani, sono inutilizzati.

Pubblicità

Qualche contrarietà all’ iniziativa è arrivata da Nuovo Centro Destra in Consiglio Regione Lombardia che ha commentato negativamente l’iniziativa di Fabrizio Cecchetti.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

2 pensieri riguardo “Fabrizio Cecchetti: proteggiamo i giovani lombardi da Aids e Hiv

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.