Ossona, 3 medaglie a 3 ex giovani reduci di guerra

Lo scorso 4 novembre il presidente dell’associazione reduci e combattenti, Giuseppe Maccarini, insieme all’amministrazione Comunale, hanno premiato con una medaglia tre reduci di guerra., 3 giovani ragazzi che hanno combattuto durate la seconda guerra mondiale e vissuto in prima persona la tragedia delle guerre lontano da casa e dei campi di lavoro in Germania, in cui dopo l’8 settembre e la fuga di Badoglio e di Vittorio Emanuele a Brindisi, furono portati i sodati del nord italia che in quel momento stavano combattevano a fianco dei tedeschi. Sono tanti i giovani sono morti in Russia, dove l’esercito italiano era completamente dipendente dalle forze tedesche, oppure sul fronte greco e su quello dei Balcani,  e poi nei campi di lavoro in Germania

Pubblicità

Giovanni Venegoni e Giuseppino Oldani della classe del 1923  andarono in guerra appena ventenni e furono internati, insieme a molti altri giovani nei campi di lavoro e Mario Oldani aveva 23 anni quando venne arruolato e mandato in Russia, dove ha vissuto la traversata del Don.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Le loro storie, raccontate con la lucidità che hanno gli anziani quando raccontano quei lontani e terribili momenti, sono più che commoventi. Si immagina l’angoscia della mamma che si vede portare via un ragazzo tirato su con fatica per mandarlo a morire e solo chi è madre può  immaginare i sentimenti e lo struggimento di vederli tornare a casa, a piedi da posti così lontani in cui erano stati abbandonati da chi invece avrebbe dovuto sostenerli.

Reduci di guerra

Le storie delle sofferenze di questi tre giovani fortunati, 3 reduci di guerra che hanno potuto continuare la loro vita e avere dei figli e dei nipoti arrivando a compiere i 90 anni, si concludono tutte nello stesso modo: tornare a casa, riabbracciare la mamma, la fine della guerra, sono stati i segni della fine di un incubo.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui