Prima PaginaSport

Ossona, il Pedale Ossonese: ciclismo per i bambini

Domenica 22 settembre si è svolta la quinta edizione del trofeo Solo Italia – Trofeo Mare dedicato al ciclismo per i bambini e organizzato dalla associazione sportiva Gruppo Ciclistico Pedale Ossonese e valido per l’assegnazione del Trofeo Comune di Ossona.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Un centinaio di piccoli atleti  associati alle società sportive e dei gruppi ciclistici dell’altomilanese che si sono specialiszzate nel ciclismo per i bambini e hannno partecipato a qusta gara, creando dei piccoli mini duelli per essere i più veloci di ogni categoria. Correvano insieme sia i bambini sia le bambine, alla loro età le prestazioni fisiche del ciclismo sono  equiparabili ed è molto bello che uno dei campioni sia proprio una bambina: la bravissima Giada Geroli di Busto Garolfo.

Pubblicità

La corsa organizzata dal pedale Ossonese, una delle più antiche società di ciclismo di Ossona, e in primis dal suo presidente Mario Porrati e dalla segretaria della Società Morena  e ha riguardato le categorie dal G1 al G6 sia maschile sia femminile. Il ciclismo per i bambini ha un alto valore educativo sportivo che dona ai più piccoli sia l’amore per la competizione leale sia l’educazione per il lavoro di squadra.

Pubblicità

La società che si è distinta durante la gara è stata la SC Busto Garolfo con ventidue punti seguita dalla Saronni con 14 e dalla SC Belmont d Lomello.

Ed eccovi i nomi dei piccoli atleti che hanno vinto le gare divisi per categoria

Tra i piccolissimi  sette anni appena della categoria G1  il primo arrivato è della Vittuonese, Giuseppe Bulgaro, seguito da Nicolò D’Alessandro della Saronni e da Christian Aresini sempre della vittuonese. Quarto e quinto posto a due ossonesi, Gabriel Vecchi e Manuel D’Angelo.

Pubblicità

Nella G2 gli atleti hanno 8 anni e la classifica  vede come primo arrivato Gianluca Boari dell’Abbiategrasso,  il secondo è Alessandro Buccellini di Busto Garolfo, il terzo posto è conquistato da Mattia Ambrosanio del Biringhello mentre Juan David Sierra sempre del Biringhello arriva quarto precedendo di poco Lorenzo Redaelli della Rescaldinese.

In G3 cominciano ad essere grandi: hanno 9 anni. il primo arrivato è della Arlunese, Igor Dario Belletta, inseguito da Alessio Cesaro della Rescaldinese. Il terzo posto va a Roberto Riccardi della Saronni. Quarto è Gabriele Mascia del Biringhello e quinto Simone Braggion del Busto Garolfo.

Toccano infine i 10 anni gli appartenenti alla categoria G4: l’ordine di arrivo è partendo dal primo, Tommaso Daniel della Belmont. Alessio Bauccio del Busto Garolfo, Paolo Pisoni del Busto Garolfo,Carlo Edoardo Re Sartò della Saronni e Stefano Bottini sempre della Saronni

Ed eccoci alla categoria G5, 11 anni, in cui cominciano a vedersi i risultati delle bambine. In testa agli ordini di arrivo c’è Giada Giroli del Busto Garolfo, che conquista il primo posto  inseguita da Andrea Montoli della Saronni al secondo, e Luca Poggi della  Belmont. Al quarto posto Luca Martis di Cassina Rizzardi. Un’altra giovanissima atleta del Busto garolfo conquista il quinto posto, Giulia, Filici.

Infine  i dodicenni della categoria G6 che chiudono le categorie dedicate al ciclismo per i bambini: nessun ossonese e nessuna bambina nella rosa dei primi cinque arrivati che sono Erick Giagnorio del Cassina Rizzardi al primo posto, Andrea Moschetti del Busto Garolfo al secondo posto, terzo è Andrea Piccolo dell’Abbiategrasso e Mattia Pellegrini del Costamasnaga  conquista il quarto posto mentre quinto è Vittorio De Giuli della Rescaldinese.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.