Casorezzo come Genova: la crisi del PD

Casorezzo come Genova: la crisi del PDLe larghe intese fanno male al PD, e i militanti del partito non sono soddisfatti sia a Genova sia a Casorezzo, come è dimostrato da questo articolo pubblicato su Cronacaossona. L’amministrazione di Casorezzo va a scadenza quest’anno, dopo 5 anni di un’amministrazione PD-PDL – Lega Nord, ha distrutto il PD della nostra zona. Il fallimento del PD di Casorezzo si è ripercuote anche a livello provinciale e nessuno più osa presentare il simbolo del Partito Democratico nei Comuni confinanti con Casorezzo o nell’Altomilanese.

In 5 anni di governo di alleanza e amministrazione comune si può tranquillamente tirare le somme con un “niente di fatto”, anche se il PD è presente in consiglio comunale e in giunta con una larghissima maggioranza, ha assessori e capogruppo, si è dimostrato completamente fallimentare. Non uno dei punti dello scarnissimo programma delle elezioni amministrative del 2009 è stato portato a termine.

La tangenziale di Casorezzo tanto promessa è ancora ampiamente in alto mare, anzi pare sia proprio stata cancellata, nonostante il PD di Casorezzo sbandierasse l’alleanza fatta con i leghisti e con i berlusconiani come necessaria per avere la Tangenziale.

L’area Zucchi, un’area privata il cui recupero è stato inserito nel programma elettorale del 2009, non ha portato nulla a Casorezzo. Anzi, non è vero,  qualcosa ha portato: ha portato all’abbattimento della torre piezometrica del pozzo dell’area Zucchi. Sembra che la torre sia stata abbattuta dopo che il Comune l’aveva accettata come pagamento di una parte degli oneri di urbanizzazione dovuti dalla Zucchi al Comune,  che invece avrebbe dovuto pretendere il terreno e il pozzo libero da qualsiasi ingombro, visto che la torre non aveva valore. Nessuno dei consiglieri dell’amministrazione del PD ha detto nulla.
Non dimentichiamo poi le vane promesse fatte dai consiglieri del PD, in giro per Casorezzo, che si erano fatti garanti di far cadere il consiglio comunale se la tangenziale non fosse stata costruita.

Insomma a Casorezzo come a Roma, per una poltrona si fa di tutto anche seguire la linea del PDL invece di quella del PD.
L’unica cosa che potranno portare in Consiglio Comunale come relazione dello stato di attuazione del Programma e dei grandi progetti realizzati dal Comune di Casorezzo e sostenuti da PD sarà che sono riusciti a mantenere le strisce pedonali rosse, invece di farle diventare blu come quelle di Arconate, o verdi come quelle di Marcallo con Casone.

Alessandra Gornati
About Alessandra Gornati 109 Articles
Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune dell'altomilanese, e questo mi condiziona. Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo. Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell'anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.Cercami su Facebook Alessandra Gornati

Be the first to comment

Rispondi

Leggi anche