Stazione centraleMilano

Stazione Centrale. Ruba un cellulare e se lo ficca nelle mutande

Ieri sera verso le 18:00 circa, alla Stazione Centrale di Milano, in piazza Duca d’Aosta i carabinieri che stavano per presidiando la stazione sono intervenuti per bloccare un uomo che fuggiva dopo che, in piazza Luigi di Savoia, aveva strappato dalle mani di un di un ragazzo somalo di 19 anni il telefono cellulare del valore di circa 300 euro, spingendolo violentemente a terra. Nonostante la violenta caduta durante lo scippo il diciannovenne non ha avuto bisogno delle cure dei soccorritori del 118.

Pubblicità

I carabinieri hanno quindi portato il rapinatore in caserma Dove è stato identificato.. Si tratta di un 32enne, somalo come la sua vittima, senza fissa dimora in Italia, regolare e compra i giudizi di polizia per rapina. Quando è stato bloccato aveva ancora addosso il cellulare appena rubato. Lo aveva nascosto nelle mutande. È stato chiuso nelle camere di sicurezza in attesa del processo per direttissima.

Pubblicità

C’erano anche due Gambiani

Nell’ambito della stessa serata, sempre duranti controlli in Stazione centrale stazione centrale, i carabinieri hanno fermato anche due Gambiani. Uno ha 32 anni e uno 20. Uno dei due aveva un permesso di soggiorno senza validità e l’altro non lo aveva. Ambedue avevano però un buon numero di pregiudizi di polizia per reati contro il patrimonio. In quel momento però non Stavano rubando nulla e sono stati denunciati per ingresso e soggiorno irregolare sul territorio nazionale e per mancata esibizione di un permesso di soggiorno valido.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.