Peschiera del Garda. Ragazzine di Milano accerchiate e palpeggiate sul treno di ritorno da Gardaland

Peschiera del Garda, 2 giugno. Una mega rissa sulla spiaggia, nel pomeriggio, durante un raduno di tik tok, con l’intervento della polizia in tenuta antisommossa, è stata seguita da un assalto ai treni per Milano alla stazione di Peschiera del Garda (Vr). I giovani nordafricani che si erano sdraiati sui binari e che lanciavano sassate conto il treno, nel tentativo di ritardarlo, sono stati dispersi dai carabinieri della stazione di Peschiera del Garda. I nordafricani erano circa un centinaio. Alcuni di questi, su un treno, hanno accerchiato delle ragazzine minorenni e le hanno palpeggiate con violenza.

Pubblicità

Il treno è poi ripartito, carico come non mai, e strapieno di gentaglia che fumava spinelli e minacciava gli altri giovani che stavano tornando a Milano dalla gita del 2 giugno a Gardaland. Alcune ragazzine, fra i 15 e i 17 anni, sono state accerchiate e assalite da gruppi di Nordafricani che hanno loro impedito per diverso tempo di scendere dal treno, mentre era ancora fermo in Stazione. Sono state palpeggiate in ogni posto, hanno tentato di portar via loro i telefoni e di mettere le mani nelle loro borse. La foto è di repertorio perchè è impossibile pubblicare le foto di vittime di violenza sessuale o renderle in qualunque modo riconoscibili, ma ci sono dei filmati.

Pubblicità

Una di loro si è sentita male, a causa del fumo intenso della marijuana che si era sparso nel vagone, e uno dei passeggeri è riuscito a farsi aprire una delle porte. Le ragazzine sono riuscite a scendere. In stazione hanno chiamato i genitori che dopo aver raccomandato loro di allontanarsi dalla stazione, sono partiti da Milano e sono andati a prenderle in auto.

Dopo aver chiamato la polizia, oggi si sono presentate al posto di polizia ferroviaria in Stazione Centrale, a Milano, per presentare la denuncia. Da quanto saputo finora, si è trattato di episodi simili a quelli avvenuti a capodanno in piazza Duomo. Si tratterebbe quindi di una serie di violenze sessuali, commesse in luogo pubblico e a danno di minorenni. Siamo in attesa di avere altre notizie su questa vicenda che rimane in aggiornamento.

Pubblicità

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui