Cronaca LombardiaPolitica

Giuseppe Olivieri. “Abolite il numero chiuso alla facoltà di medicina”

Riceviamo e pubblichiamo dalla sala stampa di Giuseppe Olivieri, vicesegretario di Grande Nord Lombardia, un comunicato con una iniziativa relativa alla gestione della sanità pubblica della Lombardia e dei suoi problemi.

Pubblicità

“La sanità pubblica è stata distrutta da tutte le forze partitiche a livello sia centrale sia regionale: raccontare il contrario attraverso inverosimili iniziative di sensibilizzazione, come la raccolta firme messa in atto da Lega Salvini Premier e Partito Democratico, significa ignorare la realtà dei fatti e agire nella più assoluta mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini.”

Pubblicità

Così dichiara il vicesegretario di Grande Nord Lombardia, Giuseppe Olivieri “Grande Nord Lombardia ritiene che la carenza di personale sanitario sia dovuta alla scarsa lungimiranza di un’inetta classe politica e abbia rappresentato una delle cause fondamentali delle tragiche conseguenze legate all’emergenza sanitaria in corso.

Pubblicità

” Considerato il recente e ritardato aumento del numero delle borse di studio per gli specializzandi laureati in Medicina e Chirurgia, “riteniamo ora doveroso abolire il “numero chiuso” per l’accesso alla medesima facoltà. A tal fine inizieremo una petizione di sensibilizzazione affinché le forze politiche presso le istituzioni preposte realizzino quanto prima questa iniziativa e si adoperino per implementare le strutture sanitarie pubbliche e la formazione e l’assunzione di personale di ogni genere operante in tale ambito”, ha aggiunto Olivieri.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.