Ponte LambroMilanoMilano città metropolitana

Il giorno del battesimo. Come renderlo indimenticabile

Milano, via Parea, zona Mecenate. Due giorni di festa per il battesimo di un neonato di soli tre mesi. I vicini si lamentano per il chiasso durato fino alla mattina seguente. Quando arriva la polizia stavano ancora festeggiando. La festa si è conclusa con alcune sanzioni Covid.

Pubblicità

Erano in casa in 11. Mamma, papà e tre bambini fra cui il festeggiato, il più piccolo della nidiata, e altri 6 adulti. I vicini di casa hanno chiamato la polizia perchè alle 7 della domenica mattina la festa per il battesimo non pareva finire. I festeggiamenti continuavano da sabato, dal momento in cui il bimbo era stato battezzato.

Pubblicità

Gli agenti della polizia di stato sono arrivati alle 7.20 del mattino e hanno chiesto di interrompere la festa. in casa c’erano 6 adulti che non vi risiedevano e quindi la polizia ha rilevato le infrazioni alle regole anti-contagio per il covid 19. Bimbi, genitori e 3 ospiti sono di origine peruviana. Fra le altre 2 donne e 4 uomini presenti c’erano 2 equadoregni e 1 italiano. Fra loro nessun irregolare, ma tanta voglia di festeggiare la nascita del bimbetto.

Pubblicità

Quando sarà grande, il piccolo potrà raccontare che per chiudere i festeggiamenti per il suo battesimo sono dovuti intervenire dei poliziotti, altrimenti sarebbero andati avanti ad oltranza. Secondo me questo bambino diventerà qualcuno, magari un Papa.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.