Movida. Arrivavano a Milano da Gessate, attrezzati e senza mascherina

Milano. I festaioli del sabato sera partono in metropolitana dalla zona di Gessate e arrivano nella zona della stazione Garibaldi per poi raggiungere le zone della movida di Corso Como e dei Navigli. Sono il larga parte minorenni e sul loro percorso lasciano di tutto, rubano, rapinano e rompono di tutto.

Pubblicità

Però, sabato sera, ad aspettarli alla fermata della metropolitana MM2 di porta Garibaldi hanno trovato, ad aspettarli, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della polizia di stato insieme a quelli del III Reparto Mobile di Milano e dalle Unità Cinofile della Questura.

Pubblicità

L’attrezzatura per la movida

I controlli hanno riguardato 261 persone, di cui 25 con precedenti, e portato ad un nutrito e vario campionario di oggetti sequestrati.
Fra questi c’erano un grinder per la triturazione di stupefacente e un coltello a serramanico
sequestrati carico di ignoti. Poi, ad un gruppo di 4 ragazzi minorenni hanno sequestrato 2 coltelli, martelletti frangi-vetro, 9.3 grammi circa di marijuana suddivisa in varie dosi e 6 bottiglie di superalcolici. I 4 sono stati indagati in stato di libertà per possesso di arma da taglio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Un minorenne italiano è stato indagato in stato di libertà per resistenza, minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale e un minorenne straniero per per possesso di arma da sparo in quanto trovato in possesso di una pistola tipo softair riproduzione di una Glock e priva di tappo rosso.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Dannata mascherina da movida

Infine, ben 10 ragazzini sono stati trovati senza mascherina sui mezzi pubblici, dove è obbligatoria. La multa è stata salata, 280 euro a testa, per un totale di 2800 euro, se pagate entro 5 giorni. Oltre diventeranno 4000 euro totali. Anche i controllori di Atm hanno avuto il loro bel da fare. sono state levate 114 multe a giovani che viaggiavano senza biglietto.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui