Un morto a Busto Arsizio per Legionella e 16 contagiati

La Legionella miete una vittima a Busto Arsizio. Rilevati 16 casi e si corre ai ripari immettendo cloro nell’acqua a consumo potabile.

Pubblicità

La vittima è un 78enne di Busto Arsizio con un quadro clinico nel quale spiccavano diverse patologie. In ogni caso, anche gli altri abitanti colpiti da batterio stanno seguendo una terapia antibiotica mirata.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

I primi casi risalirebbero a fine agosto 2020. Ora si stanno monitorando l’aquedotto e le torri di raffreddamento. In via precauzionale è stata altresì eseguita una iper-clorazione dell’acqua.

Ad essere particolarmente colpita la zona Madonna Regina con 11 casi riferiti a uomini e 4 a donne di età compresa tra i 54 e i 92 anni.

Pubblicità

Per il sindaco la situazione sarebbe tuttavia sotto controllo

Come riconoscerla

I sintomi della malattia sono brividi, febbre, malessere, cefalea e dolori muscolari diffusi; nei giorni successivi si presentano tosse secca, dolori al torace, a volte diarrea, e peggioramento delle condizioni generali, con una letalità, per insufficienza cardiaca e/o respiratoria, intorno al 15%. La terapia si basa sulla somministrazione di antibiotici specifici.

Pubblicità

Culture digitali

Cristina Garavaglia

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenta qui