Cronaca Lombardia

Un morto a Busto Arsizio per Legionella e 16 contagiati

La Legionella miete una vittima a Busto Arsizio. Rilevati 16 casi e si corre ai ripari immettendo cloro nell’acqua a consumo potabile.

Pubblicità

La vittima è un 78enne di Busto Arsizio con un quadro clinico nel quale spiccavano diverse patologie. In ogni caso, anche gli altri abitanti colpiti da batterio stanno seguendo una terapia antibiotica mirata.

Pubblicità

I primi casi risalirebbero a fine agosto 2020. Ora si stanno monitorando l’aquedotto e le torri di raffreddamento. In via precauzionale è stata altresì eseguita una iper-clorazione dell’acqua.

Pubblicità

Ad essere particolarmente colpita la zona Madonna Regina con 11 casi riferiti a uomini e 4 a donne di età compresa tra i 54 e i 92 anni.

Per il sindaco la situazione sarebbe tuttavia sotto controllo

Pubblicità

Come riconoscerla

I sintomi della malattia sono brividi, febbre, malessere, cefalea e dolori muscolari diffusi; nei giorni successivi si presentano tosse secca, dolori al torace, a volte diarrea, e peggioramento delle condizioni generali, con una letalità, per insufficienza cardiaca e/o respiratoria, intorno al 15%. La terapia si basa sulla somministrazione di antibiotici specifici.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.