MilanoCronaca LombardiaMilano città metropolitanaSesto San Giovanni

In affidamento ai servizi sociali ruba furgone, sperona 3 auto e ferisce 2 carabinieri

Era in affidamento ai servizi sociali l’ucraino che nella notte fra il 4 e il 5 settembre su un furgone rubato è stato inseguito da Milano a Monza. ha speronato l’auto dei carabinieri, un’auto in transito e quella di un istituto di vigilanza. Una volta fermato ha poi colpito i carabinieri con calci e pugni.

Pubblicità

La scorsa notte, tra le 22.15 e mezzanotte e mezza, un lungo inseguimento dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Sesto San Giovanni e della compagnia Milano Monforte , stazione Milano Gorla Precotto. A scappare era un fiat Ducato che è passato davanti alla pattuglia dei carabinieri ad altissima velocità e non si è fermato all’alt.

Pubblicità

Tutto è iniziato intorno alle 22.15 a Milano, in via Breda. Durante un servizio di perlustrazione una pattuglia della stazione dei carabinieri di Milano Gorla Precotto ha incrociato un fiat Ducato lanciato ad alta velocità. I militari hanno intimato l’alt e il fiat Ducato, invece di rallentare e fermarsi, ha pigiato ancora di più sull’acceleratore e ha speronato l’auto dei militari. I carabinieri lo hanno inseguito comunque. Arrivato nel territorio di Sesto San Giovanni, il fiat ducato ha speronato un’automobile che stava passando il quel momento, e il mezzo di una società privata di vigilanza. Poi è entrato nel territorio di Monza, in viale delle industrie.

Pubblicità

Qui il fiat Ducato è stato agganciato dalle squadre della radiomobile dei carabinieri della compagnia di Sesto San Giovanni. Con una manovra di avvicinamento lo hanno costretto ad uscire dalla carreggiata. Il furgone è finito in un avvallamento di un sterrato e si è fermato. L’autista è quindi saltato giù dal furgone e ha tentato la fuga a piedi, buttandosi nella boscaglia che costeggia la strada. I militari lo hanno però raggiunto e bloccato. l’uomo si è divincoltato e ha tentato di scappare colpendo i carabinieri con calci e pugni. Infine si è fermato, solo dopo essere stato ammanettato. Durante l’operazione 2 carabinieri sono rimasti leggermente feriti e nessun altro di è fatto male.

Il motivo della pericolosissima fuga

Dai primi accertamenti i carabinieri si è scoperto che il Fiat Ducato era appena stato rubato. Sul motore era installata una centralina utilizzata per l’accensione e a bordo c’erano arnesi da scasso. I carabinieri stanno effettuando le indagini per capire se nella nottata l’uomo ha commesso altri reati.

Pubblicità

L’autista era in affidamento ai servizi sociali

L’autista è stato arrestato e accusato di resistenza a pubblico ufficiale, furto aggravato, e danneggiamento di mezzo militare. Si tratta di un ucraino di 37 anni, pregiudicato per reati simili e altri contro il patrimonio. Era sottoposto all’affidamento in prova ai servizi sociali. E’ trattenuto nelle camere di sicurezza della caserma di Sesto San Giovanni in attesa del processo per direttissima e a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.