SaluteMagazineMilano città metropolitana

Diario di un malato di covid 19. La guarigione

Siamo arrivati alla ultima parte della testimonianza che un amico, che ha avuto la sfortuna di ammalarsi di Covid 19, insieme alla sua famiglia, ci ha lasciato pubblicare. E’ una testimonianza importante perchè evidenzia quale è stato il vero grande problema della gestione dell’ emergenza sanitaria in Lombardia. Vi lascio direttamente alla lettura dell’ ultima lettera che ci ha inviato, quella della guarigione. Le altre puntate le trovate in questo elenco.

Pubblicità

1. Cosa succede quando il virus entra in casa
2. Il medico, ats, la polizia locale, i vicini
3. I dubbi, la durata, il test sierologico, il tampone e Ats

Pubblicità

La guarigione

Finalmente per la mia famiglia dopo 50 giorni si chiude la vicenda covid 19, almeno temporaneamente, dico questo perchè la comunitá scientifica al momento non nega la possibilitá di contrarre nuovamente il virus.

Pubblicità

la scala Rho b&b

La nostra è stata tutto sommato un’esperienza a lieto fine, mia moglie e io durante il lungo isolamento domiciliare abbiamo avuto sempre sintomi lievi, per i nostri 2 figli asintomatici l’isolamento è stato più breve.
Mia moglie dopo un primo tampone positivo è stata sottoposta, dopo la quarantena, ad altri due ravvicinati ed entrambi con esito negativo. Io dopo il test sierologico, con risultato dubbio e conseguente tampone naso-faringeo, ho ricevuto da Ats la comunicazione di esito negativo.
Ora si torna fortunatamente alla vita quotidiana, mantenendo sempre alta la guardia per imparare a convivere e a contrastare il coronavirus.

Chi ha avuto la pazienza di leggere le puntate precedenti ricorderá le puntuali criticitá che ho rimarcato. Ora da questo mese di maggio Regione Lombardia ha corretto il tiro: mentre prima anche chi manifestava sintomi (senza febbre alta) dopo la quarantena tornava libero senza nessun controllo, adesso viene sottoposto a test sierologico/ tampone, con esito negativo si ha la certezza di essere guariti e di non trasmettere il contagio ad altre persone.

Pubblicità

Le dolenti note in generale sono rivolte sempre alla sanitaá territoriale lombarda, in particolare al precario coordinamento fra medici di base e Ats, quest’ultima per assenza, approssimazione e senza una visione dell’intera famiglia si è dimostrata non attrezzata per affrontare questa emergenza sanitaria.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.