Sesto San Giovanni

Uccide la moglie con la pedana della sedia a rotelle

Sesto San Giovanni. Ieri sera un uomo di 93 anni ha ucciso la moglie di 89 anni colpendola al volto e al corpo .

Pubblicità

E difficile comprendere cosa abbia spinto l’anziano uomo ha staccare il poggiapiedi della sedia a rotelle della moglie e a iniziare a colpirla con forza fino ad ucciderla. I pensieri e le supposizioni sono tante e questa storia esce dagli schemi di un delitto. E’ più una tragedia che ha colpito una famiglia.

Pubblicità

I due anziani erano soli in quel momento. Il padre potrebbe aver avuto un raptus violento. Li ha trovati il figlio che, entrando in casa dei genitori per la visita quotidiana, ha trovato la madre a terra e il padre con gli abiti intrisi di sangue. Ha chiamato i soccorsi, ma per la donna non c’era più nulla da fare. Ai medici non è rimasto che constatare il decesso. Il 93enne è in stato di arresto.

Pubblicità

Soffre dei mali dell’età. Ha spiegato il suo gesto dicendo che la moglie gli aveva appena detto che lo avrebbero ricoverato in una casa di riposo. Temeva che la donna volesse rifarsi la vita con un altro uomo. Parliamo di anziani, delicati, con la mente non più ferma come un tempo e con le reazioni che possono essere inconsulte, incoerenti e offuscate. E, in quella nebbia di pensieri irrreali, e di atti incolsulti, anche senza conoscere quali sono state le loro vite, è possibile riconoscere una luce, quella di una forma d’ amore che ha resistito al tempo, anche se il tempo l’ha contorta.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.