Storia e CulturaPrima Pagina

La confraternita del Santo Rosario di Corbetta dona all’arcivescovo Delpini la pergamena celebrativa del Perdono

La confraternita del Santo Rosario di Corbetta, in occasione della visita al Museo del santuario arcivescovile della Beata Vergine dei miracoli di Corbetta da parte dell’arcivescovo sua eccellenza Mario Delpini, ha donato al prelato una pergamena celebrativa dell’evento di giovedì 25 aprile.  

Pubblicità

La pergamena è stata donata all’arcivescovo di Milano a ricordo del 457° anniversario della concessione della Bolla del Perdono da parte del sommo pontefice Pio IV.

Pubblicità

la scala Rho b&b

E proprio nel museo corbettese, monsignor Delpini ha potuto ammirare la stanza di San Carlo Borromeo, le vesti liturgiche di Papa Paolo VI  e la papalina di Paolo VI che da quest’anno trova posto in una teca del museo. 

Pubblicità

la scala Rho b&b

Il museo sarà visitabile oggi giovedì 25 aprile, il 27 e 28 aprile (ore 9-12 e 15-18). Sabato 25 maggio, alle 20.30, per le strade di Corbetta sfilerà la statua della Madonna dei miracoli di Corbetta nella funzione presieduta da don Mario Caccia, con la partecipazione del Gruppo statuario della Beata Vergine Maria dei Miracoli. Al termine avverrà l’atto di consacrazione alla Beata Vergine Maria della città di Corbetta pronunciato dal previsto e rettore don Giuseppe Galbusera.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.