Prima Pagina

Nuovo blitz in stazione Centrale. Fermate 38 persone

Un nuovo blitz delle forze dell’ordine in stazione Centrale oggi pomeriggio.  Con un’azione coordinata fra polizia statale, carabinieri e polizia locale sono state chiuse la piazza, le possibili vie di fuga e le stazioni della metropolitana.

Pubblicità

I migranti che bivaccano nelle piazzole, sotto gli alberi, nei pressi della stazione, e quelli che vendevano oggetti sotto i mezzanini della metropolitana sono stati radunati per il controllo dei loro documenti. circa un centinaio di persone. Gli agenti della polizia locale avevano il compito di regolare la viabilità e controllare la sicurezza della zona. Sul posto ci sono agenti in divisa, in borghese, unità cinofile.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Un’azione iniziata quasi con discrezione, che ha mostrato man mano la forza nel corso del pomeriggio, per circa 2 ore. Già ieri vi era una stata una prima operazione e settimana scorsa un’altra ancora.

Pubblicità

Tensioni con i migranti

Durante i controlli c’è stato qualche attimo di tensione. Alcuni migranti hanno tentato di ribellarsi ai controlli. 38 persone sono state portate in questura per accertamenti più approfonditi. Nel blitz della settimana scorsa due agenti erano rimasti leggermente feriti nella colluttazione con dei migranti che avevano tentato di fuggire. Erano infine risultate in possesso di stupefacenti.

Cecchetti non la manda a dire al prefetto

Immediate le reazioni dei politici di regione Lombardia che, al momento del blitz, erano a Palazzo Pirelli. Il Vicepresidente del consiglio regionale Fabrizio Cecchetti e manda un messaggio alla prefetto di Milano.  “Siamo lieti che la Prefettura finalmente, seppur con enorme e inaccettabile ritardo, si sia svegliata avviando operazioni per controlli e identificazioni delle centinaia di immigrati che bivaccano tra la Centrale e le vie limitrofe.

Pubblicità

Ma queste operazioni servono se poi un volta identificati gli irregolari vengono davvero espulsi, immediatamente, non lasciati liberi di circolare con un foglio di via in tasca, vanificando il lavoro dei bravi agenti che rischiano di prendersi una coltellata come accaduto due settimane fa”. Un messaggio chiaro per la prefettura che sta coordinando le operazioni di questi giorni.

Azione Mirata

Dalla prefettura fanno sapere che l’operazione non era finalizzata alla ricerca di migranti irregolari, ma che era una operazione preventiva per reati che si svolgevano in zona con regolarità e in seguito a segnalazioni. Si pensa specialmente al grande smercio di droga che avviene in zona. Insomma stavano cercando alcune persone in particolare che si erano già macchiate di reati e hanno organizzato il blitz per prenderli nella rete. Sapevano cioè che si nascondevano fra i migranti clandestini, irregolari o regolari che frequentano la zona della stazione.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.