Prima PaginaCorvettoMilanoMilano città metropolitana

Ma di chi è quella mercedes classe A?

Martedì sera, intorno alle 19,30, nei pressi di piazzale Corvetto, in via Sant’ Arialdo, i carabinieri hanno inseguito una mercedes classe A che tentava di sfuggire ad un controllo. Il suo autista, quando si è visto bloccato, ha tentato la fuga a piedi e ha tentato di fare resistenza ai militari in modo violento.

Pubblicità

E’ stato quindi arrestato, identificato e denunciato per resistenza e violenza contro le forze dell’ordine. Si tratta di un uomo di nazionalità marocchina di 48 anni, con a carico diverse segnalazioni di polizia. Senza fissa dimora e senza lavoro, irregolare sul territorio italiano. E’ stato processato per direttissima mercoledì mattina. Fino a qui è il risultato di una delle belle operazioni di controllo del territorio compiuta dalla Radiomobile dei carabinieri di Milano.

Pubblicità

Irreperibile la proprietaria

E’ nato però un mistero rispetto all’automobile guidata dal marocchino arrestato. Una mercedes classe A. E’ intestata ad una donna di nazionalità italiana che attualmente è irreperibile. Non è stato ancora denunciato il furto, e non si sa quindi per quale motivo l’auto fosse nelle mani del cittadino marocchino. Un prestito incauto o forse obbligato? Oppure la donna è in vacanza e non si è ancora accorta del furto? Chissà. I carabinieri stanno cercando di rintracciarla per capire cosa è successo.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.