EventiPrima Pagina

Gli intellettuali e la Grande Guerra. L’Ecoistituto a Inveruno

Inveruno – Mercoledì 2 novembre alle 21 in sala Virga, presentazione del libro “Gli intellettuali e la grande guerra.

Pubblicità

grande guerra ecoistitutoSi tratta di un doppio volume firmato da  Ecoistituto della Valle del Ticino, ANPI e comune di Legnano. Il testo vuol ripercorrere la storia della Grande Guerra, del 1915-18, attraverso la visione degli intellettuali, degli scrittori, degli artisti e dei politici del tempo. A confronto, le posizioni e le idee degli interventisti e dell’opposizione alla guerra. Il libro contiene le riflessioni di 15 autori del territorio. Presentano documentazioni sui motivi che portarono lo stato italiano a recedere dalla posizione di neutralità. Durante tutto il primo anno della guerra che aveva coinvolto gli altri stati Europei, il 1914, infatti, l’Italia era rimasta neutrale. Una neutralità assicurata e tradita poi all’improvviso che ribaltò probabilmente le sorti della guerra. Fu anche il momento in cui lo stato italiano si conquisto la reputazione di inaffidabilità. Fulcro della questione, che certamente sarà affrontato, le terre irredente. e, infine, l’annessione dell’austriaco Sud Tirolo.

Pubblicità

la scala Rho b&b

La grande guerra e le motivazioni della seconda

Il libro sarà presentato in anteprima dal docente di storia all’ITIS Bernocchi di Legnano Giancarlo Restelli , Oreste Magni, dell’ Ecoistituto della Valle Ticino e da Elisabetta Bozzi, social dell’Associazione Nazionale Partigiani  di Magenta. Si parlerà, probabilmente, quindi, anche delle motivazioni che hanno spinto a partecipare anche alla seconda guerra mondale. Storicamente si sa che le motivazioni della seconda guerra mondiale risiedono nelle irrisolte questioni della prima. Anche in quel caso, l’Italia entrò in guerra con un anno di ritardo rispetto agli altri Stati. Iniziò la guerra con un alleanza finendola in un’altra.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.