EventiMagazinePrima Pagina

La Corsa Rosa di colpite ma non sconfitte

Ossona – L’associazione “Colpite ma non sconfitte” organizza una corsa campestre in rosa. Lo scopo è il sostegno a chi sta affrontando un tumore al seno. Si correrà il 16 ottobre. La partenza da Piazza Litta.

Pubblicità

la scala Rho b&b

corsa in rosa colpite ma non sconfitteColpite  ma non sconfitte è un’organizzazione che dà sostegno a chi è colpito dal cancro al seno. Raccoglie fondi e si occupa di informazione. Nonostante il nome al femminile e il colore rosa che predomina nelle iniziative, il tumore al seno non colpisce solo le donne. Raramente, e in alcune forme particolari, può colpire anche gli uomini. Le cure chirurgiche toccano in modo particolare le donne nel simbolo della loro identità sessuale. Non ci si può nascondere che la cura chirurgica, per un uomo, è molto meno traumatizzante. In ambedue i casi prevedono spesso l’asportazione delle mammelle, e questo mina in molti casi l’identità e l’autostima femminile.

Pubblicità

la scala Rho b&b

La corsa in rosa di “Colpite ma non sconfitte” è il 16 ottobre

Per questo alcune iniziative come “Colpite ma non sconfitte” sono importanti soprattutto le le donne malate di tumore al seno. Cliccando sull’immagine potrete vedere un video youtube con una piccola intervista ad una delle organizzatrici della corsa in rosa che si terrà a Ossona il prossimo 16 ottobre. Sono 5 chilometri di corsa per le strade ossonesi. Sono da percorrere indossando abiti rosa: magliette, pantaloncini, tute, capelli, quello che si vuole. Se il rosa non è un colore abituale del proprio guardaroba, con 10 euro si possono acquistare le magliette rosa con la scritta Colpite ma non sconfitte. Durante la sagra di San Bartolomeo l’associazione è stata ospitata nel gazebo dell’Avis.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.