OssonaMagazinePrima Pagina

San Bartolomeo. Il progetto Meki (Video)

Ossona – Meki si trova in Etiopia. L’associazione Meki si occupa ormai da decenni della missione fondata dall’ossonese padre Vismara. Nel video il progetto per la costruzione dei pozzi dell’acqua.

Pubblicità

meki Enrico MaronatiSi dice, e non a torto, che il vero petrolio è l’acqua potabile. Meki è una comunità, ora una piccola cittadina, che si trova su un altipiano, poco lontano da Addis Abeba. La sua fortuna e la sua disgrazia sono i 40 metri di altezza che la separano  da ricchissime fonti d’acqua. Tanti per trasportare l’acqua o costruire dei pozzi manualmente, come facevano tradizionalmente, ma pochi se i possiede la tecnologia per costruirli in breve tempo. Avere l’acqua sull’altipiano di Meki significa poter innaffiare regolarmente le culture e con poca fatica, potersi lavare con regolarità, ottenere un livello igenico degli ambienti ottimale, far sparire la maggior parte delle malattie, mangiare meglio, assicurarsi una qualità di vita migliore e avere materialmente il tempo per fare più cose chela migliorano costantemente.

Pubblicità

Meki. Superare i 40 metri tra la povertà e il progresso

Per la gente dell’altipiano, questi 40 metri sono la distanza fra la miseria e il progresso. Da un pozzo per l’acqua parte tutto. Un pozzo per l’acqua a Meki costa 800 euro. L’associazione ossonese, negli ultimi anni ne ha costruiti 40, che soddisfa il fabbisogno di una città della grandezza e popolazione della stessa Ossona. Ogni pozzo serve circa un centinaio di persone. Nel video youtube raggiungibile dall’immagine Enrico Maronati ci racconta la storia dell’associazione e di come sono organizzati i progetti per la costruzione dei pozzi dell’acqua.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.