PoliticaPrima Pagina

Tutti per Sgara. Dalla Lombardia a Marcallo

Marcallo con Casone – In sala Cattaneo, nel parco di Villa Ghiotti a Marcallo, venerdì sera alle 18 c’è stato un aperitivo straordinario che si è protratto fino a notte tarda. Tutti per sgara è stata una festa straordinaria come straordinari erano i partecipanti. C’era il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, parlamentari, consiglieri comunali, sindaci, assessori della Lega Nord che venivano da quasi tutta la provincia di Milano e dalla Lombardia. Non solo, erano presenti anche Antonio Rossi, assessore allo sport,  della lista Maroni Alessandro Sorte, Assessore alle Infrastrutture e Mobilità, e alcuni dirigenti dell’assessorato al bilancio della Lombardia. Tutti per stare vicini a Massimo Garavaglia, Sgara, e per proteggerlo.

Pubblicità

maroni esultanteRiso e salsiccia, salame, birra vino. Qualche fetta di pane e gorgonzola. Questo il menù dell’apericena organizzata dalla sezione della Lega Nord di Marcallo con Casone venerdì 7 novembre, alla sera. Lo scopo, senza mezzi termini, era quello di compattare la difesa di Massimo Garavaglia dopo gli attacchi, sottolineati con indagini e “trattamenti mediatici”, di cui è stato vittima. In questi due giorni, in vista della manifestazione di Bologna, ci sono state parecchie iniziative che la Lega Nord ha organizzato, tra volantinaggi, incontri pubblici, presidi davanti alle prefetture, e non ultima la distribuzione di benzina al costo puro senza le accise (tasse) di Stato a 0,45 euro al litro, in un distributore di Cinisello Balsamo. A Marcallo con  Casone e nell’ Alto milanese si è data la priorità alla difesa di Massimo Garavaglia, che nel giro di una settimana è stato al centro di più attacchi  mirati a tentare di far cadere la giunta della Regione Lombardia.

Pubblicità

A Marcallo con Casone c’erano oltre al presidente di regione Lombardia , Roberto Maroni,  il segretario della Lega Lombarda on. Paolo Grimoldi, c’era l’on. Giancarlo Giorgetti da Varese, l’on Nunziante Consiglio da Bergamo, l’on. Arrigoni e Fabrizio Cecchetti, vice presidente del Consiglio di Regione Lombardia, poi anche il sindaco di Parabiago, Raffaele Cucchi, quello di Marcallo con Casone, quello di Boffalora, e tanti consiglieri comunali e assessori, ma anche tanti marcallesi e tante cittadini arrivati dai paesi vicini. Durante la serata è arrivata anche la telefonata, messa poi in vivavoce, di Matteo Salvini che ha detto in modo chiaro che “su Massimo non ho il minimo dubbio”. Fra i partecipanti alla festa non c’erano solo dei leghisti e non solo dei politici.  E’ indicativo che anche alcuni dirigenti dell’assessorato al bilancio della regione, come il direttore generale vicario Manuela Giaretta e il direttore funzioni specialistiche Antonello Turturiello,  abbiano voluto partecipare a questa festa, il cui scopo era soprattutto quello di condividere con Massimo Garavaglia il peso che ha dovuto affrontare e dimostrargli solidarietà e tutta la fiducia che si ha in lui e nel suo operato.

Pubblicità

la scala Rho b&b

Anche le associazioni onlus che si occupano di disabili erano presenti con i loro aderenti. Da tutte queste persone non ci sono state parole vuote. E’ stato un esporsi in modo diretto, con la propria faccia, a farsi vedere a fianco di un “indagato” dalla giustizia italiana, disinnescando così quel sottile inganno, quel trucco, che consiste nel far sentire colpevoli le persone anche quando non lo sono, per minarne l’autostima e togliergli la serenità. Un trucco sventato anche da una grossa bottiglia di spumante che ha reso necessario più di un intervento per essere stappata ma che ha strappato risate e causato il gesto di esultanza di Roberto Maroni nel momento in cui, dopo un quarto d’ora di tentativi, si è riusciti finalmente ad assaggiarne il contenuto. L’aperitivo si è così presto trasformato in una cena fra amici e poi in un dopo cena dal quale si è tornati a casa con la consapevolezza di volersi battere per cambiare un sistema che utilizza la giustizia al posto della politica, che non ama la democrazia, che non gradisce il voto nè l’opinione della gente normale. Ora si pensa alla manifestazione di Bologna, in piazza Maggiore, il cui successo incoronerà Matteo Salvini leader indiscusso del centro destra.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.