OssonaMilano città metropolitana

Ossona brucia: i due falo’ di sant’Antonio (video e foto)

Con qualche giorno di ritardo pubblichiamo alcune foto e riprese dei due falò di Sant’Antonio organizzati a Ossona.una è quello organizzato in piazza Litta e l’altro quello dell’oratorio.

Pubblicità

Anche i fotografi sono due, Il professionale Alessandro Ravazzani ci ha infatti inviato alcune fotografie del falò della piazza che meritano davvero degli elogi per il modo con cui sono colti i guizzi e le lingue delle fiamme. Poi ci sono le mie, scattate con la telecamera del telefono cellulare, che funzionano esclusivamente come cronaca di una serata sdoppiata un attimo in piazza Litta e la fine della serata in oratorio.

Pubblicità

Niente da dire quest’anno se non che il fumo storto fa prevedere un’annata pericolosa per gli agricolturi e il fatto che le monachine del falò di piazza Litta erano così abbondanti da rischiarare seriamente di mandare a fuoco la tenda di un balcone che dà su piazza Litta.

Pubblicità

Poi, nonostante la presenza della protezione civile, ci sono stati dei momenti in cui il fuoco ha fato paura:le fiamme facevano a modo loro, lambendo pericolosamente le mura diroccate dell’ormai ex casa del Gin. Sono intervenuti a spegnere i muri già fumanti con dei potenti getti d’acqua.

La piazza non è esattamente il posto giusto per fare un falò di Sant’ Antonio.
Quest’anno el cose sono andate meglio in Oratorio: oltre ad un falò di buonn dimensioni ci sono state le ottime frittelle cucinate dal gruppo dei genitori che, insieme al vin brulè hanno rallegrato la serata. Anche il pubblico ha preferito quest’anno il falò del’oratorio che contava almeno il doppio di presenze rispetto a quello in piazza Litta. Eccovi il video.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.