Aggressione a Corbetta, nel cortile di casa

Brutta aggressione a Corbetta, dalle parti di via Parini. Le notizie raccolte attribuiscono l’aggressione a dei rom, probabilmente del gruppo che hanno sostato a Cisliano. I rom si sono infilati nel cortile di una villetta, approfittando del fatto che una ragazza sulla ventina stava entrandoci, era casa sua, in automobile. ll cancello era aperto e, scusatemi il paragone poco umano, ci si sono infilati come fanno i topi quando apri la porta della cantina. Velocissimi, silenziosi e infidi.

Pubblicità

Subito dopo hanno bloccato la ragazza che ha cominciato ad urlare. Fortunatamente in casa c’erano il padre e il fratello che sono usciti di corsa mettendo in fuga il gruppo di nomadi. Non c’è stato il tempo, grazie al cielo, per sapere con certezza se i due aggressori avessero intenzione di violentare la giovane o di derubarla, o ambedue le cose.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Qualche settimana fa c’era stato un altro tentativo di stupro a Corbetta, che aveva avuto le stesse identiche modalità. Anche in quel caso le testimonianze parlano di rom, che sono spesso così inconfondibili nell’aspetto da rendere impossibile confonderli con altre etnie.

Se l’ aggressione a Corbetta non stimola le coscienze..

Non si tratta quindi nè di razzismo nè di allarmismo, ma solo di constatazione dei fatti, del mero racconto di quello che è successo in una cittadina che normalmente è considerata fra le più sicure dell’altomilanese. Non metteremo nomi cognomi o altri riferimenti che permettano di identificare le vittime di questi attacchi violenti perchè non si può umanamente chiedere a chi è stato aggredito in questo modo di rivivere la paura e l’umiliazione subite. Sarebbe assolutamente ingiusto.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Però non si può nemmeno restare zitti e far finta di non sapere che i campi rom sono un ricettacolo di personaggi pericolosi e che andrebbero smantellati e non più permessi. Le forze dell’ordine stanno comunque indagando su questi fatti e abbiamo fiducia che individueranno i responsabili che quindi siano messi in condizione di non nuocere nè alle donne nè alle case.

Andrea Oldani

Andrea Oldani

Non è facile parlare di me. Persino io ho delle difficoltà.

Commenta qui