Donne di destra o donne di sinistra? Il tuo stile dice cosa sei

Quelle del centro sono un po’ confuse, così come le M5Stelle girl. Le definite per antonomasia sono sempre loro, le donne di destra e di sinistra. Sto parlando del modo di conciarsi alcune volte, da entrambe le parti. E’ chiaro io sono di parte, ma quelle di sinistra ce la mettono veramente tutta per distinguersi.

Pubblicità

La tipologia di delle donne di sinistra

Ce ne sono di due tipi. Le radical chic: sobria pensa lei, con questi pantaloni o gonne che ricordano molto i paesi orientali. Le scarpe non le ho mai capite. O meglio, sono un insieme tra una ballerina e una scarpa degli anni 60. Quelle con i due “occhietti” davanti con tanto di cinturino: non si potevano vedere, erano indefinibili e ne sono stata vittima anche io. I capelli nelle radical chic, di solito, non sono tinti ma in versione “sale e pepe”.

Pubblicità

Le riconosco da lontano, con questi giacconi di due taglie più grandi. Quando entrano in negozio il mio unico pensiero è “ma perché? Perché ti sei conciata in quel modo?”. Fanno un giro ed escono… Poi ci sono le giovani leve di sinistra. Sono una marea di colore che cammina. Non capisco: ma uno specchio? Un piccolo abbinamento, così, giusto per non dare tanto nell’occhio? No, niente da fare! Le vedi con delle specie di stivaletti o con le scarpe ginniche, collant super colorati, minigonne o gonne lunghe, maglioni anche qui enormi o striminziti, sembrano uscite da una centrifuga impazzita.

E quelle borse portate a tracolla? Parliamone! Il tutto ovvio di colori diversi; così, giusto per non sbagliare, abbondo. I dred: ma chi li ha inventati? Un vuncione di sicuro. Da quello che ne so si fa anche una gran fatica a tenerli puliti oltre alla costanza per farli arrotolare. Ma continuo a non capire. Quando li vedo mi viene voglia di passarci su la macchinetta. Non si truccano , vivono ancora con la teoria “naturale “ è bello. Si, proprio, va beh…

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Le donne di destra. Eccole

Quelle vere non vestono firmato, non ne hanno bisogno, anzi è esattamente il contrario: hanno uno stile inconfondibile, spesso vestono di scuro, difficilmente troppo vistose o, se lo sono, non toppano un colore. Capello sempre in ordine. Nel caso si rimedia con una bella coda. Un filo di rossetto e sono già in ordine. Spesso molto simili tra di loro, nei modi e nei costumi. Sorridono in maniera sobria, fanno il possibile per non dire le parolacce, ma le pensano, assolutamente si. Spesso hanno istinti da scaricatore di porto ma si trattengono, sfogano la loro indole aggressiva solo con i fedelissimi. Le scarpe spesso sono alte, ma non disdicono un bel paio di ballerine. Non hanno un cattivo rapporto con il “sapone”.

Provate adesso a dirmi il contrario

Le donne di sinistra hanno le loro teorie sull’uso di prodotti detergenti e ne fanno un uso limitato, le altre esagerano e non si può stare loro vicino. Non respiri aria, ma profumo. In ogni caso, spezzo una lancia a favore di noi “femmine” di destra o di sinistra. Abbiamo fatto la storia. Con i nostri colori o con i nostri abiti da bacchettona, siamo comunque sempre belle. Si, beh, insomma… Parliamone…

Pubblicità

Culture digitali

Sabrina Spirolazzi

Sabrina Spirolazzi

Mi chiamo Sabrina Spirolazzi, età? Meglio tralasciare. Nella moda e nello spettacolo si mente sempre… Nata cresciuta a Magenta mi occupo di moda praticamente da sempre, fashion victim soffro spesso di shopping compulsivo, ahimè, con grande orrore da parte della mia carta di credito che urla vendetta ogni 15 del mese. Le scarpe sono la mia passione da quando ero molto giovane, non me ne libero mai anche quando le suole presentano evidenti segni di usura.

3 pensieri riguardo “Donne di destra o donne di sinistra? Il tuo stile dice cosa sei

  • Avatar
    08/10/2020 in 13:17
    Permalink

    Ma no ma no! L’articolo sembra suggerire che le donne di sinistra vestono male e quelle di destra bene, non è così. Io sono di sinistra e quindi conosco gli stilisti della sinistra; alcuni nomi sono Kawakubi Yamamoto Gigli Demeulesmester Rundholz Gregis APointB Lehaine etc etc quindi preferiamo il nero, il minimal (che modellisticamente parlando è molto complesso) l’oversize (che nulla ha a che vedere con due taglie più grandi) per le scarpe meglio basse che alte, meglio la zeppa che il tacco, per il trucco poco e magari solo il rossetto e le sopracciglia.
    Per le donne di destra non so chi siano i marchi di riferimento, potrei azzardare RoccoBarocco Herrera Wang Viktor&Rolf Liujo Burberry . Però non posso non notare che anche quando indossano il compostissimo e bellissimo Burberry non possono fare a meno di pizzi strass abiti, pantaloni e maglie o camicie attillati e purtroppo il terribile animalier che fa ton sur ton con il trucco eccessivo tutto improntato al beige e terra ancora con la matita sul contorno labbra a evidenziare il rossetto beige/carne e il tacco 12 chiude il cerchio.
    Ai miei occhi questo vestire non é bello, ma va bene così.
    Però vorrei sapere perchè la sinistra preferisce l’oversize e la destra l’attillato perchè da una parte il minimal e dall’altra il decorato
    Un’ultima cosa le donne di sinistra si lavano quanto quelle di destra ma in effetti si improfumano meno
    Saluti

  • Avatar
    02/04/2022 in 13:59
    Permalink

    Che articolo inutile e grossolano.

Commenta qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: