A Ossona si torna a parlare di Bertola perche’ Alessandro si e’ iscritto al Rally

Questo è il secondo anno in cui è organizzato il rally della Alta Valtidone che ha un percorso fatto di piccole strade sui colli del piacentini. Il costo dell’iscirizione di un’automobile a questa gara varia dalle 30 alle 600 euro circa , in base a ciò che viene richiesto dall’organizzazione, in tema di auto e di adeguamento alle regole.

Pubblicità

A Ossona si torna a parlare di Bertola perchè Alessandro si è iscritto a un rallyD’altra parte si sa, l’automobilismo è uno sport costoso. In questo momento anche su youtube si possono osservare le ricognizioni autorizzate che i piloti effettuano per programmare la guida esatta da tenere durante la gara, con i vari punti difficili, e sempre oggi, ma nel pomeriggio vi saranno le verifiche sportive. Il rally vero e proprio sarà domenica 26 ottobre quando da Pianello Val Tidone alle ore 8.30 del mattino partirà al prima automobile. Molti i modelli di automobile in gara fra loro, e molti anche i piloti che si misureranno in bravura. Questi ultimi sono circa una settantina e fra loro ve ne è uno molto conosciuto ad Ossona, Alessandro Bertola, figlio di Maurizio Bertola e amministratore della Bertola Central Docks, che è fallita rovinosamente lasciando un grosso debito nelle casse comunali in Imu e altre tasse non pagate, parecchi operai e dipendenti che sono stati per più di un anno senza stipendio e che ha causato la rovina economica di piccoli trasportatori e di altre piccole aziende. A Ossona i Bertola hanno anche lasciato quel grosso capannone rosso all’ingresso del paese che si sta lentamente degradando e che rappresenta uno dei più grossi rischi di degrado del nostro Comune.

Pubblicità

“La passione per le auto, il signor Alessandro Bertola, l’ha sempre avuta. Si divertiva con una Subaru Impreza. Nei tempi migliori, questo signore aveva disposizione una audi rs5, una panda 100hp, un fuoristrada Feroza e una vecchia panda 4×4. Tutto a carico della Bertola Central Docks. Le ultime 3 auto citate sono state vendute dalla Sivag, la società che si occupa delle vendite fallimentari.” Ci dice una persona che vuole restare anonima ma che con il fallimento Bertola ha perso come molti altri, moto denaro.
“Per carità, nessuno vuol togliere un po’ di svago a una persona, ma agli operai rimasti per mesi senza mangiare, agli impiegati che credevano di essere in cassa integrazione e invece semplicemente non veniva versato loro lo stipendio, e ai suoi debitori che  hanno saputo che ancora adesso si preferiscono le occasioni pubbliche e i rally alle soluzioni dei problemi causati questa iscrizione pubblica a un costoso rally ha dato molto fastidio.” Ha detto un altro dei debitori del fallimento Bertola. In effetti, non si può che concordare che un po’ discrezione, in certi casi, sarebbe una virtù. Ed ecco la pistola fumante che ha dato il via alle polemiche: l’ Elenco degli-Iscritti VT2014 al rally della Valtidone.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui