24 indipendentisti arrestati: anche la Lega Nord di Ossona va a Verona per dar loro solidarietà

Lega Nord, anche la sezione di Ossona a Verona in solidarietà ai 24 indipendentisti arrestati.Come apparso sul blog ufficiale della Lega Nord di Ossona, e sulla loro pagina Facebook, una folta rappresentanza della sezione ossonese parteciperà oggi pomeriggio alla manifestazione in solidarietà dei 24 indipendentisti arrestati lo scorso due aprile e accusati di terrorismo e separatismo. La manifestazione si terrà a Verona alle 18 e l’appuntamento per i leghisti è alle 2,30 nel parcheggio di viale Europa, all’incrocio con viale Rimembranze, da dove partiranno per raggiungere Verona.

Pubblicità

Intanto ieri il presidente del consiglio regionale della Lombardia, Fabrizio Cecchetti, insieme all’assessore regionale alla sicurezza Simona Bordonali e al consigliere regionale Fabio Rolfi, si sono recati in visita al il gruppo lombardo degli indipendentisti arrestati: fra gli indipendentisti arrestati in Lombardia ci sono Roberto Bernardelli, Stefano Ferrari e altri indipendentisti di vari movimenti e gruppi Lombardi. I politici della Lega nord hanno portato, oltre alla loro solidarietà e affetto, anche alcuni regali.

Pubblicità

Su radio Padania libera, inoltre, è apparsa un’iniziativa particolare. Date le accuse particolarmente gravi che sono state mosse ai 24 indipendentisti arrestati, anche se non sono in isolamento solo i parlamentari, consiglieri regionali e parenti stretti possono visitarli. Radio Padania ha così messo a disposizione un indirizzo mail cui spedire dei messaggi ai 24 indipendentisti arrestati. Chi volesse mandare un messaggio di solidarietà può scrivere a serenissimi@radiopadania.net, e i politici della Lega Nord si incaricheranno di consegnare personalmente i messaggi agli indipendentisti in carcere.

Ecco l’elenco delle vittime di questa immane ingiustizia.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Corrado Manessi, nato a Brescia l’11.02.1962, Roberto Abeni, nato a Brescia il 17.12.1963, Angelo Zanardini, nato a Sale Marasino (Brescia), Luigi Faccia, nato a Conselve (Padova) il 30.07.1954, Lucio Chiavegato, nato a Bovolone l’8.02.1965, Patrizia Badii nata a Scandicci (Firenze) 20.11.1963, Tiziano Lanza, nato a Bovolone il 23.09.1961, Andrea Meneghelli, nato a Isola della Scala il 05.03.1966, Luca Vangelista, nato a Rivoli (Torino) il 11.07.1963, Corrado Turco nato a Isola Rizza il 24.08.1967 residente a Bovolone, Felice Pani, nato a Terralba (Oristano) il 29.01.1960, Stefano Ferrari nato a Bergamo il 28.06.1969, Renato Zoppi nato a Monteforte d’Alpone il 16.06.1957, Franco Rocchetta nato a Venezia il 12.04.1947, Riccardo Lovato nato a Padova il 14.10.1969, Michele Cattaneo , nato a Brescia il 17.09.1979, Maria Luisa Violati nata a Lendinara (Rovigo) il 29.04.1964, Erika Pizzo, nata a Badia Polesine (Rovigo) il 05.02.1988, Roberto Bernardelli, nato a Milano il 31.01.1949, Elisabetta Adami, nata a Villafranca di Verona l’8.02.1947, Maria Marini, nata a Volpago del Montello (Treviso) il 23.08.1957, Marco Ferro, nato a Lendinara (Rovigo) il 25.07.1966.
Giancarlo Orini nato a Brescia (Brescia) il 27.02.1939 e Flavio Contin nato a Casale di Scodosia (Padova) il 05.11.1942 sono agli arresti domiciliari per l’età avanzata e per problemi di salute.

E’ meglio ricordare che queste 24 persone, padri e madri di famiglia, sono stati arrestati a causa delle loro idee, e non perchè abbiano commesso dei reati e che Lucio Chiavegato, del comitato 9 dicembre ( meglio conosciuto come Movimento dei Forconi), ha iniziato un pericoloso sciopero della fame. Fra gli indagati e fra chi ha subito perquisizioni ci sono il giornalista Gianluca Marchi, direttore del giornale online l’Indipendenza ed ex direttore della Padania, e  Salvatore Meloni, l’indipendentista sardo meglio conosciuto con il nome sardo di Doddore, famoso per aver dichiarato l’indipendenza dell’isola e la costituzione della repubblica di Malu Entu, in Sardegna.

Pubblicità

Tutti i politici della Lega Nord hanno dichiarato che è un dovere morale di ogni leghista dar sostegno e dimostrare affetto ai 24 indipendentisti arrestati e alle loro famiglie.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui