Prima PaginaMilano città metropolitanaOssona

Altro temerario Furto in abitazione ad Ossona

un altro furto in bitazione! Erano circa le 21 del 30 novembre, quando nella palazzina di vicolo Parrocchiale ad Ossona, in provincia di Milano,  si sono sentiti dei fortissimi colpi, come se qualcuno avesse deciso di abbattere la palazzina a martellate. Al terzo colpo i condomini, che a quell’ora erano in casa, sono corsi alla porta dell’appartamento da cui venivano i  colpi, mentre si allertavano immediatamente i carabinieri.

Pubblicità

Il ladro era ancora all’interno dell’appartamento e stava tentando di abbattere uno dei muri portanti  con una grossa mazza di ferro, nel tentativo di estrarre una piccola cassaforte, che comunque era vuota. Quando si è accorto di essere stato scoperto, il malvivente non ha comunque smesso di colpire il muro con la mazza, anzi, ci ha messo più energia.

Pubblicità

Solo quando i condomini hanno cominciato a correre giù per le scale, verso il  portone d’entrata, per bloccarlo mentre fuggiva, il delinquente è nuovamente corso sul balcone, da cui si era arrampicato usando la grondaia, ed è saltato giù dal secondo piano, una altezza di circa 8 metri, atterrando le piccolo giardino sottostante e scavalcandone velocemente la recinzione, alta circa due metri. Un complice lo aspettava nell’auto parcheggiata nel vicolo chiuso che confina con il campo da calcio, con il motore acceso.

Pubblicità

Anche se i due malviventi sono riusciti a scappare, per il momento, con degli oggetti personali dei proprietari dell’appartamento, il tempestivo intervento dei vicini di casa ha permesso di identificare i l’automobile usata dai due malviventi , un’ Audi S5 berlina bianca, di grande cilindrata, e di segnalarla ai carabinieri che hanno iniziato subito le ricerche.  Alle forze dell’ordine, arrivate ad Ossona da Abbiategrasso, è stata fornita anche una prima descrizione dei due delinquenti, che non parlavano italiano. Uno di essi, quello che si è arrampicato sulla grondaia, è molto agile e leggero.

La metodologia utilizzata dai ladri, che non si sono preoccupati di prendere a martellate un muro in un condomino pieno di gente e si sono comportati in modo molto sfrontato, li identifica come persone estremamente pericolose, che non avrebbero paura di aggredire e di far male alla gente se colti sul fatto. Se li avvistate è meglio evitare di affrontarli, ma avvisate immediatamente il 112. Prima li catturano meglio è per Ossona.

Pubblicità

Nota della redazione
Su Co Notizie News Zoom lavoriamo duramente ogni giorno per tenervi informati, e per seguire l'evoluzione di ogni fatto che raccontiamo. L'articolo che state leggendo, però, va contestualizzato e riferito alla data in cui è stato scritto, che è indicata in alto, e in cui i fatti erano quelli descritti. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. E' stato inserito per garantire la nostra libertà e autonomia di giornalisti e per garantire il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo! Qualunqe notizia nuova, purchè vera, sarà verificata e diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove si può dare grande spazio alla verità.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

4 pensieri riguardo “Altro temerario Furto in abitazione ad Ossona

  • Marisa Mineo E' successa la stessa cosa nel mio condominio, a limbiate, alle 8 di sera, mentre tutti eravamo a casa per cenare…..Hanno quasi smantellato la cassa forte del mio vicino, che in quel momento non c'era, facendo un tale riunire che siamo usciti fuori in balcone a vedere che succedeva….quando abbiamo capito che Reno ladri abbiamo cominciato ad inveire allora si sono buttati giù dal secondo piano e scappati con una Mercedes nera che li aspettava i sotto…….Il giorno dopo sono stati presi, credo fossero zingari

  • È' successo però nel mese di aprile e credo li abbiano presi il giorno dopo…..Anche nel nostro caso, il rumore era così assordante che sembrava volessero abbattere l'intero palazzo……

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.