Milano città metropolitanaOssona

Ossona, caso Bertola: altro sciopero per gli stipendi arretrati

Si pensava che le questioni fra i dipendenti  della Bertola  Central Docks di Ossona fossero sulla via della soluzione, dato che ci era giunta notizia che l’azienda aveva versato un anticipo di 1000 euro ai dipendenti e ai soci lavoratori della cooperativa Cemmea, che non prendevano lo stipendio da mesi. Si pensava anche che l’azienda aveva accettato un programma di rientro dei suoi debiti verso i lavoratori.

Pubblicità

La mattina dell’ 8 novembre, però, i lavoratori sono scesi in sciopero e hanno costituito un picchietto piuttosto numeroso davanti all’azienda.  A tratti invadevano la carreggiata della strada provinciale per Turbigo, esponendo i loro cartelli di protesta.

Pubblicità

cambiamenti. Social journalism

A un certo punto della mattinata, sono arrivati i carabinieri che hanno contenuto la manifestazione. Si dice che questa mattina anche il sindaco di Ossona sia stato chiamato negli uffici della Bertola, probabilmente fare da  mediatore, ma potrebbe essere anche stato chiamato per chiarire quale tipo di permessi potrebbe aver chiesto Bertola al Comune di Ossona a seguito della  chiusura del Bertola Store.

Pubblicità

Si suppone quindi che gli stipendi arretrati dei lavoratori non siano ancora stati pagati. Nelle intenzioni dei lavoratori , la manifestazione e i cartelli dovrebbero portare alla conoscenza di tutti il grave problema creatosi, ma in realtà nessun giornale di oggi ha riportato la notizia, quasi come se un la crisi di un’azienda così grande non facesse notizia.

Intanto si è in attesa della risposta alla interrogazione presentata alla Provincia di Milano dal consigliere provinciale della Lega Nord Simone Gelli che ha chiesto se sia già stato aperto il tavolo di crisi per aiutare l’azienda Bertola a risolvere i suoi problemi.

Pubblicità

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.