Eurojust: ecco perchè non riuscirai mai a commettere una frode fiscale e sparire

Una nuova operazione di sostegno di Eurojust ha mandato all’aria una grossa frode fiscale. Una collaborazione fra le autorità italiane e quelle austriache, per mezzo dell’agenzia Eurojust, ha permesso di smantellare una massiccia frode organizzata da una rete criminale che utilizzava delle società italiane per simulare locazioni di attività commerciali e falsi crediti di imposta. Gli autori della frode hanno evaso le tasse italiane per almeno 440 milioni di euro. Con l’aiuto dell’agenzia Eurojust, circa il 90% del totale è stato recuperato e 12 persone sono state arrestate.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Il gruppo criminale aveva utilizzato le società italiane per vendere falsi crediti di imposta, per simulare locazioni di attività commerciali al fine di ottenere un risarcimento correlato al covid-19 e per simulare crediti d’imposta per lavori falsi per migliorare la sicurezza il consumo energetico delle aziende, in pratica avevano chiesto il rimborso dei sostegni per il covid e fornivano la documentazione per partecipare alla pratica del 110%.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Il denaro recuperato si trovava principalmente in Italia e i beni sequestrati includono criptovalute, che attualmente sono detenute in un portafoglio per impedirne lo spostamento, oltre che a oro platino e orologi di valore che erano custoditi in una cassetta di sicurezza in una banca austriaca. La zona di azione del gruppo criminale era soprattutto l’Emilia Romagna.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

impara a cambiare

Difatti all’ inchiesta, per la parte italiana, hanno preso parte la Procura della Repubblica di Rimini e l’unità di criminalità finanziaria del nucleo di polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza di Rimini, mentre per la parte austriaca hanno operato la Procura centrale per la lotta ai crimini economici e alla corruzione e l’Agenzia di polizia criminale dello stato di Vienna.

L’agenzia Eurojust ha assistito le due procure nel coordinamento dell’operazione giudiziaria transfrontaliera anche fornendo supporto per l’esecuzione di un ordine di indagine europeo e di un ordine di congelamento dei beni in Austria, emesso dalle autorità italiane. I nomi, le iniziali le età e le nazionalità degli arrestati saranno rese note dopo la conclusione del processo giudiziario, a causa del decreto Cartabia, fra 5 o 6 anni, in questo stesso articolo. Naturalmente se il nostro giornale esisterà ancora.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

tap gym

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.