Allarme guerra tra Ucraina e Russia. La Farnesina: Italiani lasciate il paese

L’unità di crisi della Farnesina, cioè del Ministero degli Esteri italiano, poco prima delle 14:30 ha lanciato un alert sulla situazione Ucraina. “In via precauzionale si invitano i connazionali, cioè gli italiani, a lasciare temporaneamente il paese, cioè l’Ucraina, con i mezzi commerciali disponibili. Considerato, inoltre, la situazione di incertezza ai confini, si raccomanda di posticipare tutti i viaggi non essenziali verso l’Ucraina e di mantenersi costantemente aggiornati sui mezzi di informazioni.”

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

impara a cambiare

Ha inoltre raccomandato a tutti gli italiani presenti in Ucraina a registrarsi sul sito www.dovesiamonelmondo.it e di scaricare la App Unità di Crisi. Ha poi ricordato che i viaggi, a qualsiasi titolo, nel Donnetsk, nel Luhanssk e in Crimea sono sconsigliati. Ricordo inoltre che la Ambasciata d’Italia a Kiev è operativa ed è raggiungibile al numero di emergenza indicato nella app Unità di Crisi.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Venti di guerra

Per fare un brevissimo sunto della situazione potremmo dire che le 3 regioni che vogliono staccarsi dall’ Ucraina, Donnetsk, Luhansk e Crimea, per formare delle Repubbliche indipendenti, sono sotto la protezione della Russia. Da stratega qual è, il presidente russo Putin le sostiene per impedire l’entrata dell’Ucraina nella Nato. L’Ucraina infatti ha da tempo chiesto di entrare nel patto occidentale, ma la sua domanda non è mai stata accettata perché c’è un patto di mutuo soccorso fra le nazioni che ne fanno parte e se l’Ucraina entrasse potrebbe chiedere subito il sostegno NATO contro le 3 repubbliche secessioniste. Fino alle elezioni della presidenza degli Stati Uniti,i paesi della Nato preferivano evitare lo scontro diretto con i paesi del Patto di Varsavia.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Bed & breakfast La Scala a Rho

ucraina,russiia,farnesina. Allarme guerra tra Ucraina e Russia. La Farnesina: Italiani lasciate il paese - 12/02/2022
2014. Solfdato filorusso durante i bombardamenti nel Donnetsk

Questa situazione va avanti dal 2014, quando a mediare fra il Donnetsk e il Luhansk, la Russia e l’Ucraina, fu chiamata l’Europa, attraverso l’OSCE, che portò all’approvazione del protocollo di Minsk, che non fu mai rispettato. Anzi, da quanto raccontano le cronache, i combattimenti peggiori, come quello all’areoporto di Donnetsk, sono avvenuti dopo la firma del protocollo di Minsk. Non si sono mai fermati

Questioni di energia

Donnetsk e Luhansk, chiamata anche regione del Donbass, sono terre di minatori e la loro l’economia si fonda principalmente sull’estrazione del carbone e sull’agricoltura, e lo scoppio delle tensioni con il governo ucraino erano dovute inizialmente all’incapacità di mediare con gli abitanti delle due regioni, ed erano sorte a causa della crisi economica che aveva colpito queste regioni, Donnetsk e il Luhansk, con la diminuzione dell’uso del carbone come fonte di energia.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Culture digitali

Le altre tensioni fra Russia e Ucraina riguardano soprattutto l’utilizzo del gas naturale siberiano con cui la Russia rifornisce l’Europa e i cui gasdotti passano sul territorio ucraino. Un terzo del gas per il riscaldamento dei paesi europei arriva dalla Russia e passa sul territorio ucraino. E’ fondamentale quindi per la Russia continuare ad avere un controllo sull’Ucraina. Un controllo che diventerebbe molto difficile se l’Ucraina entrasse nella Nato.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Anche se ho semplificato molto, è facile comprendere che, in una situazione simile, quelli che ci rimettono di più sono i paesi Europei, Italia compresa, in cui il gas naturale è fondamentale per aziende e abitazioni. Colpa nostra, perchè non abbiamo il senso dell’autonomia, e non sappiamo garantirci l’indipendenza nemmeno in caso di emergenza.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Nel 2017

Nel 2017 i rapporti erano ancora tesi e si combatteva ancora e vi fu chi parlò della regione come di una nuova Somalia.

2017, nel Donnesk e in Luhansk si continua a combattere
Rapporti difficili tra Donetsk e il governo dell’Ucraina, nel 2017 ospitammo alcuni articoli di cronaca
Difficile riuscire a capire chi ha ragione e a cosa dare priorità. Meglio la libertà delle genti, o il diritto a scaldarsi degli europei?
Coinvolti un certo numero di italiani, da ambo le parti. L’invito della Farnesina sarà un messaggio diretto a loro?
Ilaria Maria Preti

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.