Vandali e partita di calcio. L’ultima chance per chi ha rotto lo specchio stradale

Casorezzo. Vandali post-partita di calcio danneggiano lo specchio stradale di via Umberto Primo, la notte tra il 6 e il 7 luglio. Si cercano i colpevoli. Pierluca Oldani, il sindaco di Casorezzo, lancia un appello invitando alla responsabilità i vandali e chiedendogli di pagare lo specchio stradale autonomamente. Intanto però potrebbe essere già spuntato il video, girato con un telefonino, che riprende i vandali in azione.

Promozioni

Il messaggio del Sindaco di Casorezzo

“Mi rivolgo a chi, la notte scorsa, ha frantumato lo specchio stradale in via Umberto I. A questo punto lei è nella miglior condizione per scegliere che tipo di persona vuole diventare: un adulto, capace di assumersi le responsabilità delle proprie azioni, oppure restare per sempre un bambino, che lancia il sasso e poi nasconde la mano, senza mai crescere nonostante il passare del tempo. Se sceglierà la seconda opzione non deve fare nulla. Potrebbe farla franca questa volta. O forse no. Se invece la sua decisione ricadrà sulla prima, può venire da me e dire semplicemente: “Sono stato io. Lo ripago”. A lei la mossa. Pierluca Oldani”

Promozioni

Vandali a Casorezzo. L'invito del sindaco a ripagare il danno

La squadra dell’Italia arrivata in semifinale ha dato tanta gioia a tutti i tifosi, c’è però chi ha deciso che festeggiare significa rompere i beni pubblici, costosi e necessari alla sicurezza stradale, spesso dopo essersi ubriacato tanto da non comprendere il peso delle sue azioni. Essere ubriachi non è però un’attenuante, è piuttosto un’aggravante quando si è colpiti dall’accusa di aver commesso un reato. Il vandalismo è un reato. Quella sera, quella della vittoria della semifinale, c’erano in giro molte persone e tante riprendevano le scene di gioia con gli smartphone, a piedi in macchina e anche dalle finestre. una di queste potrebbe avere il video che ritraggono i vandali in azione.

Promozioni

L’ultima possibilità

Con il suo messaggio il sindaco di Casorezzo, Pierluca Oldani, dà una possibilità ai vandali, offrendosi di accettare il suo pentimento e il pagamento dello specchio stradale. Se i vandali non dovesse redimersi e accettare la generosa offerta, il passo successivo sarebbe quello dell’intervento della legge, con la denuncia, il processo, multe fino a 10mila euro e pene che vanno da 6 mesi a 5 anni di reclusione.

Promozioni

La legge

Se l’atto vandalico è stato effettuato su di un bene situato in una zona aperta al pubblico, come una strada o un parcheggio, si tratta danneggiamento aggravato, inscrivibile nella categoria dei reati disciplinati dal codice penale.. Pubblico i testi degli articoli del codice penale, facilmente reperibili in rete che riguardano gli atti vandalici. Così se il colpevole o chi lo conosce può capire il gesto di generosità del sindaco di Casorezzo, e approfittare dell’ultima occasione per offrirsi di pagare autonomamente e il danno procurato..

L’articolo 635 del Codice Penale

L’Art. 635 del codice penale dice  che “chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili [624 comma 2] o immobili altrui con violenza alla persona o con minaccia ovvero in occasione del delitto previsto dall’articolo 331, è punito con la reclusione da 6 mesi a 3 anni. Alla stessa pena soggiace chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili le seguenti cose altrui:

Promozioni
  • edifici pubblici o destinati a uso pubblico o all’esercizio di un culto, o su cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate o su immobili compresi nel perimetro dei centri storici ovvero su immobili i cui lavori di costruzione, di ristrutturazione, di recupero o di risanamento sono in corso o risultano ultimati, o su altre delle cose indicate nel numero 7 dell’articolo 625;
  • opere destinate all’irrigazione;
  • piantate di viti, di alberi o arbusti fruttiferi, o su boschi, selve o foreste, ovvero su vivai forestali destinati al rimboschimento;
  • attrezzature e impianti sportivi al fine di impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive.
  • Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico è punito con la reclusione da uno a cinque anni.

Per i reati, di cui ai commi precedenti, la sospensione condizionale della pena è subordinata all’eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato, ovvero, se il condannato non si oppone, alla prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato, comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate dal giudice nella sentenza di condanna.

Articolo 639 del Codice Penale

L’articolo 639 rincara la dose dicendo che “Chiunque, fuori dei casi preveduti dall’articolo 635, deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui (1) è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a centotre euro. Se il fatto è commesso su beni immobili o su mezzi di trasporto pubblici o privati si applica la pena della reclusione da uno a sei mesi o della multa da 300 a 1.000 euro.

Promozioni

Se il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico, si applica la pena della reclusione da tre mesi a un anno e della multa da 1.000 a 3.000 euro. Nei casi di recidiva per le ipotesi di cui al secondo comma si applica la pena della reclusione da tre mesi a due anni e della multa fino a 10.000 euro.
Nei casi previsti dal secondo comma si procede d’ufficio.

Con la sentenza di condanna per i reati di cui al secondo e terzo comma il giudice, ai fini di cui all’articolo 165, primo comma, può disporre l’obbligo di ripristino e di ripulitura dei luoghi ovvero, qualora ciò non sia possibile, l’obbligo di sostenerne le spese o di rimborsare quelle a tal fine sostenute, ovvero, se il condannato non si oppone, la prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate nella sentenza di condanna.

Promozioni
Ilaria Maria Preti 5177 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Commenti

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.