San Donato MilaneseMilano città metropolitana

Si butta nel Lambro con un pacco di eroina

San Donato Milanese. Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della sezione Radiomobile della Compagnia di San Donato Milanese hanno arrestato in flagranza per  resistenza a Pubblico Ufficiale e detenzione illecita di stupefacenti” un 30enne marocchino, domiciliato a Milano, pluripregiudicato per reati della stessa specie.

Annunci

Mentre transitavano sulla SP415 all’altezza di via fiume Lambro, i carabinieri intimavano l’alt ad una Fiat Panda sospetta. Il passeggero, per evitare il controllo, quando l’auto si è fermata è sceso dai veicolo ed è fuggito a piedi nella boscaglia per poi buttarsi nel Lambro. Non è però riuscito a raggiungere l’altra sponda. L’acqua era troppo alta. Pertanto è tornato in direzione del capo equipaggio della radiomobile che lo aiutato ad uscire dall’’acqua, fermandolo in sicurezza.

Annunci

Durante l’immersione dell’uomo, i carabinieri hanno notato che aveva gettato in acqua un involucro. Lo hanno recuperato. All’intero c’era un panetto di eroina di 525 grammi. A quel punto il conducente della panda è ripartito, imboccando la Tangenziale Est in direzione Bologna. La sua fuga è finita male. E’ stato tamponato da un tir all’altezza del cavalcavia in via Bagnolo Sorigherio. Non deve essersi fatto troppo male perchè ha abbandonato la panda e ha fatto perdere le proprie tracce nei campi limitrofi.

Annunci

Intanto il 30enne l’arrestato è stato portato alla casa circondariale di Milano San Vittore, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.