Cronaca LombardiaMilano

Oggetti rubati da ladri serbi. Riconoscete i vostri?

Milano. Qui in basso le foto di alcuni degli oggetti rubati da un gruppo di ladri di nazionalità serba, fra cui c’è anche un ragazzino, minorenne. Il gruppo è stato arrestato nei giorni scorsi a Milano dagli agenti della 2^ Sezione della Squadra Mobile di Milano hanno portato all’arresto di 3 persone per almeno 2 episodi. Qui in basso le foto di alcuni degli oggetti rubati.

Annunci

I 3 sono accusati di essere responsabili di diversi furti in appartamento nelle zone del centro di Milano. Il 12 dicembre 2020 sono stati ripresi da alcune telecamere mentre si arrampicavano sulla facciata di un stabile di via San Nicolao fino a raggiungere il primo piano. Poi uno dei ladri era entrato nell’appartamento dalla porta finestra, e aveva aperto il portone principale agli altri due complici.

Annunci

la scala Rho b&b

Il quarto era già in galera

Un quarto uomo, in costante contatto visivo con i connazionali, monitorava attentamente le adiacenze fungendo da “palo”. Uno dei componenti la banda era già stato arrestato dagli agenti della Squadra Mobile il 27 gennaio 2021 a Vicenza in seguito al tentativo di rapina in abitazione ai danni di un imprenditore locale e si trovava già in carcere al momento dell’identificazione dei suoi complici nel furto di Milano.

Annunci

la scala Rho b&b

Il video del furto in appartamento di via San Nicolao

L’intera sequenza del furto in via San Nicolao è stata ripresa dalle telecamere di videosorveglianza all’esterno dello stabile. Le immagini, insieme all’ analisi di altre prove raccolte dagli investigatori della Squadra Mobile, tramite presidi tecnici e servizi sul territorio, hanno permesso di identificare gli autori del furto. Si trattava di un gruppo di persone estremamente scaltre e che si muovono con facilità da una parte all’altra del territorio nazionale. 

Dal tristemente famoso campo nomadi di via Monte Bisbino a Baranzate

Esattamente un anno fa, gli agenti della Seconda Sezione avevano arrestato un’altra batteria di ladri d’appartamento il cui marchio di fabbrica, come in questo caso, era l’accesso agli appartamenti dopo essersi arrampicati dalla facciata dello stabile. In quell’occasione, gli indagati erano stati fermati all’interno del campo nomadi di Monte Bisbino, a baranzate, un luogo molto frequentato anche dai tre serbi fermati dalla Polizia. I ladri erano stati riconosciuti anche perchè dopo i furti in una casa di piazza San Babila erano andati a festeggiare in un locale alla moda usando una limousine.

Annunci

Le indagini

Le indagini della Polizia di Stato di Milano sono state coordinate dalla Procura della Repubblica del Tribunale Ordinario e del Tribunale per i Minorenni di Milano, nell’ambito di un’attività investigativa svolta nei confronti di un gruppo di cittadini originari della Serbia e dediti a furti e rapine. Hanno quindi eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto disposto dai PM titolari delle indagini, dr.ssa Crupi e dr.ssa Di Taranto, coordinati rispettivamente dal Procuratore Aggiunto dr.ssa Pedio della Procura ordinaria e dal Procuratore della Procura dei Minori Dr. Cascone.

Le foto degli oggetti rubati e ritrovati

  • oggetti rubati e ritrovati
  • oggetti rubati e ritrovati 2

Durante l’operazione che ha portato all’arresto della batteria di ladri, la Polizia di Stato ha ritrovato e poi sequestrato numerosi oggetti rubati. Fra questi ci sono orologi di pregio, borse di valore, capi d’abbigliamento firmati e denaro contante per circa 14mila euro. Se riconoscete nelle foto oggetti rubati che vi appartenevano potete riaverli presentandovi, con la copia della denuncia del furto ad un commissariato per aver un appuntamento e visionare gli oggetti. Nel caso si tratti del vostro oggetto rubato vi sarà restituito. Attenti all’assicurazione, se c’è stato un risarcimento per il furto, gli oggetti rubati e ritrovati potrebbero ora appartenere all’assicurazione.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.