Stazione centraleMilanoMilano città metropolitanaPorta Venezia

Tra la Stazione Centrale e Porta Venezia non è cambiato nulla

Milano. 2 giorni di controlli della polizia di Stato fra la Stazione Centrale e i giardini di Porta Venezia hanno portato al controllo di 98 persone. 3 sono state arrestate, a vario titolo, per droga e furto.

Annunci

Martedì 19 gennaio

Martedì pomeriggio, in Piazza Duca D’Aosta e presso i Bastioni di Porta Venezia, i poliziotti del Commissariato di PS Garibaldi Venezia, con il supporto di altri agenti della Questura e del Reparto Mobile di Milano, e delle unità cinofile dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, hanno controllato 51 persone. Di queste 15 sono risultate con precedenti penali e 5 persone sono state accompagnate in Questura per accertare la loro identità e posizione sul territorio nazionale.

Annunci

Nello stesso contesto gli agenti del Commissariato hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio un cittadino gambiano di 22 anni trovato in possesso di hashish.  Un cittadino egiziano di 29 anni è stato inoltre segnalato alla Prefettura in quanto è stato trovato in possesso di cocaina per uso personale, mentre un cittadino marocchino 30enne è stato denunciato in quanto inottemperante all’Ordine del Questore di Milano di lasciare il territorio nazionale.

Annunci

Mercoledì 20 gennaio

Nel pomeriggio di mercoledì, invece, gli agenti del Commissariato di PS Garibaldi Venezia, con la collaborazione degli agenti del Reparto Mobile e della Questura, in Piazza Duca D’Aosta hanno controllato 47 persone, delle quali 31 risultate con precedenti penali dai controlli in banca dati.

Gli agenti, durante il sistematico controllo, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di droga un cittadino senegalese di 27 anni trovato in possesso di 6.37 gr di marijuana e 3.36 gr di hashish, mentre un cittadino tunisino di 37 anni è stato arrestato per furto aggravato.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Alessandra Gornati portulaca

Alessandra Gornati

Mi piace leggere, mi piace scrivere, ma amo la privacy. Vivo in un piccolo Comune, e questo mi condiziona. Si potrebbe dire che amo parlare di quello che capita agli altri, ma se parlano di me, mi sembra di mettermi in mostra e sono in imbarazzo. Pensa a me come ad una donna timida e invisibile, senza misteri ma molto ricca nell'anima. Quello che do al mondo, lo do con le mie parole.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.