MelegnanoMilano città metropolitana

2 furti in 3 giorni: arrestato in flagranza 2 volte

Nella notte tra martedì 24 ed mercoledì 25 novembre, i Carabinieri della Stazione di Melegnano, passando di pattuglia in Piazza Puccini a Vizzolo Predabissi, hanno arrestato in flagranza di reato per tentato furto Y.M., un marocchino di 20 anni irregolare sul territorio nazionale, pregiudicato e senza fissa dimora. Lo conoscevano. Lo avevano infatti già arrestato 2 giorni prima, la sera di domenica 22 novembre.

Annunci

la scala Rho b&b

Il 20enne aveva appena infranto una vetrata con un cacciavite ed è stato sorpreso dai militari mentre frugava all’interno di un’edicola. Non è riuscito a rubare nulla per l’intervento tempestivo dei militari. Fino a questo punto si può solo pensare a come deve esserci rimasto male, girandosi e scoprendo che i carabinieri lo stavano osservando.

Annunci

La seconda volta in 2 giorni

Il resto della storia invece mostra come non può essere stato tanto sorpreso di essere stato beccato in flagrante. Infatti si trattava della seconda volta in 2 giorni. Nella serata di domenica scorsa, il 22 novembre, i Carabinieri, grazie ad una segnalazione al 112 di un passante, lo avevano sorpreso all’interno del chiosco “il bouquet di Maria“. Aveva ancora in mano il registratore di cassa ed un decoder Sky e stava fuggendo in compagnia di un complice minorenne.

Annunci

Al mattino di lunedì 23 novembre il marocchino era stato condannato dal Tribunale di Lodi a 4 mesi di reclusione e 200 euro di multa con la pena sospesa e l’obbligo di recarsi in caserma per la firma. Riportato davanti alla giustizia, dopo l’ultimo furto, per il processo per direttissima, il giudice ha convalidato l’arresto e ripristinato l’obbligo di presentazione per la firma alla Polizia giudiziaria.
Secondo me, ma penso sia il parere di molti, non c’è che da aspettare due giorni per il prossimo furto in cui i carabinieri lo scopriranno. Non c’è 2 senza 3. Quando poi le condanne supereranno il limite, si accumuleranno e dovrà scontarle tutte in carcere.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Cristina Garavaglia

Giornalista

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.