MilanoLorenteggioMilano città metropolitanaSan Giuliano milanese

Delitto quasi perfetto. L’assassino di Stefania D. Arrestato un egiziano

Ha commesso il delitto quasi perfetto. L’omicidio di Stefania D. avrebbe potuto passare per una morte naturale e solo l’approfondita autopsia ha rilevato che era stata uccisa. Un uomo è stato arrestato questa mattina a San Giuliano Milanese.

Annunci

Quel che accadde il 29 aprile 2020

Stefania D., 45 anni, era stata trovata morta nel suo appartamento in via Lorenteggio 38 lo scorso 29 aprile. Dai primi accertamenti sembrava una morte naturale, avvenuta il giorno prima. il 28 aprile. Si era in lockdown per il covid e la morte, senza segni evidenti di violenza, di una persona giovane, in casa da sola, avrebbe potuto passare inosservata. E’ stata l’autopsia, svolta con molto ritardo a causa del lockdown e dell’emergenza sanitaria in corso, a scoprire che la donna era stata uccisa.

Annunci

Nel referto dell’autopsia si legge che la causa della morte era una “anomala rottura bilaterale dei cornetti tiroidei dovuta ad asfissia meccanica da compressione determinata da un’azione violenta di altra persona.” Un tipo di azione, quella sulla parte frontale della gola della povera Stefania, che non aveva lasciato segni evidenti sul suo corpo

Annunci

la scala Rho b&b

Il 29 aprile un amico, che aspettava sue notizie e l’aveva più volte chiamata al telefono, si era recato a casa sua, scoprendone il corpo morto sdraiato sul pavimento della cucina. Aveva chiamato invano i soccorsi .

La vittima e le indagini sul delitto quasi perfetto

Stefania D. faceva la prostituta e aveva avuto guai finanziari ed economici. Da questi fatti, una volta che si è avuta l’evidenza della morte per omicidio, con l’iniziale supporto operativo degli agenti del Commissariato di PS “Porta Genova”, gli investigatori della Sezione Omicidi della Squadra Mobile di Milano, condotta da Marco Calì, hanno iniziato ad esaminare le chat wahtsapp del suo smartphone, scoprendo la traccia degli ultimi appuntamenti organizzati dalla donna.

Annunci

L’ultimo cliente

L’ultimo cliente, un numero di telefono che chiede un appuntamento, una triangolazione per sapere dove si trovava quel telefono nel momento della morte della donna e le prove iniziano ad accumularsi.

L’autore dell’omicidio quasi certamente non ha consumato la prestazione sessuale ma, dopo una possibile discussione con la vittima, l’ha soffocata con una stretta al collo che non ha lasciato alcun segno visibile sulla pelle e si è allontanato subito dopo.

I poliziotti hanno accertato che l’uomo aveva telefonato e utilizzato WhatsApp per concordare l’ora dell’incontro con Stefania D., e che la ha incontrata a casa di lei. Dopo una ventina di minuti si era allontanato per tornare a casa a San Giuliano Milanese. Poi l’analisi delle telecamere di videosorveglianza pubbliche e private attive nella zona che mostrano particolari e persone. Quindi l’ascolto di testimoni. Infine si è arrivati all’identificazione e all’arresto.

L’arresto questa mattina a San Giuliano milanese

Auto della polizia. 
Delitto quasi perfetto?
Foto di repertorio: auto della polizia

Gli agenti della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Milano, questa mattina si sono recati a casa di un uomo egiziano di 25 anni. E’ domiciliato a San Giuliano milanese ma è di fatto irregolare sul territorio italiano. lo hanno arrestato e portato in carcere eseguendo l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Milano. L’accusa è relativa all’omicidio di Stefania D.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.