San SiroMagazineMilanoMilano città metropolitanaSport

Inter Barcellona. Alla partita con mazza e bastone

Milano. Inter- Barcellona. 65 Ultras catalani senza biglietto fermati dalla Digos in via Tesio alle 17, all’esterno dello stadio Meazza. La polizia di Stato li ha portati in Questura. Alcuni erano armati con mazze, bastoni e guanti con nocchiere. Denunciati per possesso di armi atte ad offendere e raggiunti, tutti e 65, da daspo sportivo

Annunci

I controlli per la partita di calcio Inter Barcellona di questa sera allo stadio Meazza sono iniziati intorno alle 8 del mattino. Infine, un incidente. Alle 17 la polizia di Stato idividua un gruppo di 62 persone. Erano senza biglietto per la partita. Il personale spagnolo della sicurezza, inviato appositamente per la partita del Barcellona nell’ambito della cooperazione internazionale sulla sicurezza, li ha però riconosciuti. Ha quindi confermato alla polizia di stato italiana che il gruppo apparteneva alle formazioni di tifosi ultras del Barcellona.

Annunci

La Digos milanese li ha isolati e ha impedito che venissero a contatto con i tifosi interisti e usassero le 18 mazze di legno, le 4 mazze di legno chiodate, i 18 bengala, i 3 fuochi d’artificio pirotecnici “candela romana”, le 5 paia di guanti con nocchiera e con imbottiture di sabbia, un mefisto e un paradenti per creare disordini e risse. Durante la serata e nella notte in questura si svolgeranno le procedure di identificazione, la fotosegnalazione e la valutazione dell’adozione di opportuni provvedimenti.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.