Milano

Vendeva droga invece dei giornali. Edicolante colto in flagrante

Milano. Tante segnalazioni che indicavano l’edicola di viale Cenisio, posta fra il centro sociale il Tempio e la fabbrica del Vapore, come un luogo di spaccio notturno. L’edicola era chiusa da anni, ma si svegliava la notte. L’edicolante colto in flagrante dagli agenti del commissariato Sempione domenica 1 dicembre nascondeva la droga nelle custodie dei film porno e nelle scatole di colori per bambini

Annunci

Edicola Hot

Era un’edicola chiacchierata, famosa per la vendita di dvd, cassette e giornali pornografici. Per questo, credevano i più ingenui, apriva solo la notte, dopo le 2 e fino alle 5 del mattino, specialmente nei week end. Lo strano comportamento dell’edicolante ha insospettito il commissariato che ha organizzato, sin dall’8 novembre, un servizio di osservazione in borghese, cui hanno partecipato due agenti, uomo e donna, che hanno finto di essere una coppietta di fidanzatini. Con questa scusa hanno tenuto d’occhio l’edicola aperta per diverse ore in diverse notti e hanno notato il largo giro di frequentatori. Troppo largo.

Annunci

Infine scatta l’azione. La droga era nel DvD porno

Quando il gruppo di acquirenti è stato particolarmente folto l’edicola è stata circondata dai poliziotti, accompagnati anche dalle unità cinofile. L”edicolante è stato colto in flagranza di spaccio. Ha subito ammesso di non aver nulla a che fare con i giornali e ha consegnato le dosi che teneva nella custodia di un vecchio DVD pornografico intitolato, “vi presento mia moglie”. All’interno c’erano quasi 2 grammi di cocaina già divisi in dosi e confezionati in palline. I clienti si avvicinavano all’edicola e chiedevano se era arrivato il Corriere dello sport. Era difficile si riferisse ai giornali esposti, che risalivano agli anni 2000.

Annunci

I cani antidroga trovano la scatola di colori

I cani però hanno trovato anche una scatola di colori per bambini, nascosta fra le vecchie riviste. All’intero diversi oggetti, chiavi dell’auto, 13 grammi di cocaina divisi in dosi e alcuni tocchi di hashish per 35,45 grammi. Nell’edicola c’era anche una vecchia agenda con la contabilità del giro di spaccio di droga e i numeri di telefono dei clienti e 274 euro in contanti, probabile provento dell’attività di spaccio.

Chi è l’edicolante

Il proprietario dell’edicola è G.A., un 48enne italiano di origini calabresi, incensurato e con un precedente per furto molto lontano nel tempo. Aveva acquistato l’edicola nel 2001. Abita in zona scalo Romana Corvetto, è sposato, ha un figlio di 15 anni, e ha grosse difficoltà economiche. Forse questo lo ha spinto, a 48 anni a cedere alla tentazione di organizzare un giro di spaccio di droga qunado, nonostante delle parentele pesanti, era riuscito ad essere un cittadino onesto per buona parte della sua vita. O, forse, per essere maliziosi, era riuscito a restate lontano dall’attenzione della Questura.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.