Milano

Milano sotto la pioggia. Immagini

Milano sotto la pioggia. E’ una immagine generalmente romantica, con un filo di leggera melanconia, come quella che lascia sulla pelle il ricordo della carezza dell’amante. Oggi no. Milano sotto la pioggia è l’immagine di tanti disperati che dormono per strada e che vivono come se fossero in un suk, ma al freddo.

Annunci

Non solo citylife

Che la città non sia solo il centro bello, citylife e i negozi di via Montenapoleone e di corso Buenos Aires lo si sa da parecchio tempo. Però mai come in questi giorni di pioggia ci si rende conto della differenza che passa fra i quartieri bene e quelli della periferia.
Questa foto, pubblicata su Facebook sabato mattina dal consigliere di municipio Piermario Sarina mostra uno di tanti angoli della città che sono diventati quasi peggio dei suk africani.

Annunci

Il ponte di Viale Brianza

Se si percorrere viale Brianza fino ai ponti della ferrovia, quelli con quelle belle colonne che indicano quanta cura è stata messa nel costruirli, si possono contare le persone che dormono per terra. Quasi una per ogni colonna liberty. Sono quasi tutti immigrati, la maggior parte sono nuovi arrivi che dovevano essere collocati nei paesi del resto dell’Europa. I più ricchi hanno anche una brandina.

Annunci

La galleria è diventata il sostituto del dormitorio pubblico ,fra le auto che la percorrono in un senso e nell’altro. Se quest’inverno quei poveracci non moriranno di freddo, moriranno per aver respirato per tante ore gas di scarico delle auto in galleria. ” E’ così da quando hanno chiuso il centro di accoglienza che c’era qua dietro. ” dicono le persone che vivono in quelle zone.

Le stazioni della metropolitana

Alla stazione capolinea della metropolitana linea rossa di Molino Dorino da un paio di settimane è apparsa una brandina con materassi e coperte, una sedia a rotelle e un uomo che passa lì le notti e che chiede l’elemosina. Non è l’unica fermata del metro che serve da dormitorio ai disperati. Non c’è angolo della città in cui non vi sia qualcuno che dorme sotto i portici, al riparo di qualche tettoia o che si è costruito capanne di fortuna in mezzo alle rotatorie, o nei giardini pubblici.

Annunci

Quasi da scavalcare

Ci sono posti anche non lontani dal centro storico in cui per entrare nei negozi bisogna quasi scavalcare le persone sdraiate per terra. La maggior parte sono stranieri. Moltissimi africani ma anche gente che arrivata dall’Europa. Gente venuta in Italia per lavoro e poi rovinata dalla crisi. E’ tutta gente che vive di stenti, di piccolo spaccio, di portafogli rubati. Tutti hanno una storia alle spalle e nessun futuro davanti. E’ questa,oggi, l’immagine di Milano sotto la pioggia.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.