Quei giorni in cui i morti ritornano

Si chiamano I Dì di Mort o di tutti i Santi, dipende tutto da che parte si guarda questa bella tradizione che unisce la tradizione antecristiana a quella cristiana. In questi 3 giorni, dal 31 ottobre al 2 novembre, mentre i moderni festeggiano una strana festa chiamata Halloween ( il cui nome ricorda comunque un periodo sacro) assieme a teschi, scheletri streghe e pipistrelli, chi ama le tradizioni antiche festeggia il periodo in cui i morti ritornno sulla terra, sotto forma di Santi per i cristiani, con il preciso compito di riportare sulla retta via i parenti ancora in che se ne sono allontanati.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

La manifestazione esteriore della festa era simile a quella odierna, Zucche scavate e altri scherzi che avevano a che fare con al morte e con la paura che in genere se ne ha. Spiritualmente, invece era considerato un momento sacro, un periodo in cui il mondo dei vivi e quello dei morti si toccavano permettendo dei contatti e dei passaggi da un mondo all’altro. Una tradizione spirituale che è rimasta con il cristianesimo, dove i morti sono considerati santi ancora in vita e in attesa della resurrezione.

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Culture digitali

Ed è in questi giorni che l’associazione Terra Insubre presenta un libro intitolato Quei giorni in cui i morti ritornano, che raccoglie articoli e considerazioni di alcuni autori esperti di celtismo e di tradizioni lontane. Gilberto Oneto, Lorenzo Banfi, Massimo Centini, Roberto Corbella, Thierry Jolif e Giancarlo Minella. Il costo è di 6 euro e può essere ordinato scrivendo una email a segreteria@terrainsubre.org. Per amanti della storia antica e del celtismo

PUBBLICITA' E ANNUNCI PER L'AUTONOMIA DEL NOSTRO GIORNALE

Bed & breakfast La Scala a Rho

Ilaria Maria Preti

Ilaria Maria Preti

Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.