Prima PaginaRozzano

Continuava a spacciare anche sotto sorveglianza e, già che c’era, custodiva 2 pistole

Rozzano, viale delle Viole. Un 51enne italiano, nonostante le ripetute condanne e sottoposto alla sorveglianza speciale dal 2017, sempre a causa di reati connessi allo spaccio di droga, continuava nel suo “lavoro”. In casa aveva anche 2 pistole.

Annunci

Ormai il suo si può chiamare lavoro. Non ha smesso neppure mentre era sotto la sorveglianza speciale. Infatti è così che lo hanno arrestato nuovamente. Gli uomini della VI sezione antidroga della squadra mobile che lo sorvegliavano hanno notato il solito via vai di consumatori di droga nei pressi dell’abitazione di N.L. e hanno organizzato un piccolo blitz. Nella rete sono caduti due uomini che avevano appena acquistato delle dosi di cocaina. Durante la perquisizione dell’appartamento di N.L. gli uomini della squadra mobile hanno trovato 80 gr. di cocaina, 50 gr di Marja e alcune altre dosi di hashish, oltre alla macchina per il cionfezionamento della droga sottovuoto, sacchetti, cordine e bilancini.

Annunci

Le pistole

La perquisizione è stat apuntigliosa, e nell’armadietto del bagno è stata ritrovata una pistola Beretta semiautomatica FS con la matricola abrasa, mentre in salotto, in un mobile, c’era una Magnum 357.In casasono state trovate anche le relative munizioni. Forse le custodiva per qualcun’altro. I suoi precedenti penali, infatti, sono solo per spaccio di piazza.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.