Prima Pagina

Buon anno dal boschetto di Rogoredo

L’anno al boschetto di Rogoredo è iniziato con 4 arresti effettuati dalla poliza di stato. Quattro spacciatori presi e un congruo sequestro di stupefacenti, fra cocaina e eroina.

Annunci

In 3 casi i poliziotti hanno posto sotto osservazione i dintorni del perimetro del Boschetto. Il 3 gennaio hanno sorpreso e arrestato un cittadino rumeno che aveva posizionato un banchetto volante su cui c’erano un bilancino e alcune bustine di droga. Indosso aveva 500 euro e sacchetti di cocaina e di eroina.

Annunci

Il 5 gennaio è toccato ad un 45enne bulgaro sorpreso a spacciare. In tasca aveva 10grammi di eroina e 10 di cocaina. Nei pressi la polizia ha fermato anche un 25enne italiano che aveva in tasca 150 grammi di eroina. Poi le operazioni si sono spostate all’interno del boschetto di Rogoredo dove i poliziotti hanno visto un pusher all’opera. Anche l’uomo, un marocchino del ’93, ha visto i poliziotti. Ha tentato la fuga gettando un sacchetto di droga. Lo hanno inseguito e raggiunto. È iniziata una collutazione ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo. Oltre alla droga gli sono stati trovari addosso 500 euro.

Annunci

la scala Rho b&b

Nel suo appartamento, a Corsico, c’erano altri 1300 euro, proventi del traffico di stupefacenti. Oltre che di spaccio e di detenzione di stupefacenti è accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale. Ora, come gli altri arrestati di inizio anno, si trova nel carcere di San Vittore a disposizione delle autorità giudiziarie.

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.