Prima PaginaOssona

Scippo in piazza San Cristoforo. Le merde colpiscono ancora

Ossona – Ieri mattina, 14 agosto, in piazza san Cristoforo tre uomini ci colore hanno scippato una donna che passava davanti alla Chiesa.

Annunci

coda chi e codalà a ossona

Stava arrivando dal Cimitero in bicicletta, quando un’automobile le si è avvicinata. Uno dei tre è sceso e l macchina si è riavviata superando lentamente la signora. L’uomo a piedi le ha strappato al borsetta è velocemente risalito in automobile.  Lei poverina nella borsetta aveva tutto, chiavi di casa, i documenti e qualche euro. Per il momento non c’è nessun testimone dello scippo, in quel momento la signora era praticamente sola. I farabutti hanno scelto bene il momento in cui rapinarla.
L’hanno trovata che piangeva davanti al bar Mokaccino in via padre Giuliani, spaventata e sotto choc. Immediato l’intervento della polizia locale che si è poi appostata a casa della donna aspettando e sperando che i tre approfittassero dell’avere in mano i documenti della signora. Poi sono arrivati  i carabinieri che hanno pattugliato a lungo Ossona, durante tutto il giorno.

Annunci

La descrizione dei tre delinquenti fata dalla signora alle forze del’ordine è che si tratta di 3 uomini giovani, intorno ai 20 anni, di colore.  Quanddo sono scappati, la donna ha chiesto di lasciarle almeno le chiavi di casa, ma i tre non hanno avuto nessuna pietà. Il modo di agire è molto simile a quello usato altre volte da scippatori a Ossona. Era già capitata una cosa simile in via Bosi almeno un’altra volta.

Annunci

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Ilaria Maria Preti

Giornalista, metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica di Radio Padania. Ora dirigo, scrivo e collaboro con diverse testate giornalistiche, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Specialist e una consulente di Sharing Economy. Il futuro è mio

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.