Sprar. 12 richiedenti asilo in una villetta di via Olona

Ossona – Sarebbe stata individuata in una villetta di via Olona la casa che l’amministrazione comunale vuole accettare per ospitare i 12 presunti richiedenti asilo che la prefettura manda a Ossona.

Pubblicità

protocollo sprarAlla fine il sindaco Venegoni e la sua amministrazione, dai e dai, avrebbero trovato un privato cittadino talmente disperato da cedere alle pressioni ed accettare di ospitare i migranti che l’amministrazione comunale ha accettato di prendere a Ossona. Dalle nostre fonti risulta che ci sarebbe una trattativa con il proprietario di una villetta bifamiliare di Via Olona, e con il giudice fallimentare che ha preso in mano i suoi beni. In questa villetta, che in realtà è fatiscente e non è abitata, e abitabile, da anni, se si metteranno d’accordo, saranno ospitati per i prossimi 3 anni almeno 12 “migranti”. Sarà consegnata loro una carta di identità con la residenza ad Ossona, e un tesserino sanitario della Lombardia. La via Olona si trova alla fine di via Boccaccio e l’inizio della via Litta Modignani. A due passi dalle scuole medie ed elementari.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

La villetta

La villetta in questione è una bifamiliare. La parte che sarebbe stata destinata ai “non ancora profughi”  necessita di molti lavori di ristrutturazione e non è certamente abitabile. I vicini di casa sono parecchi c’è l’intero condiminio di via Boccaccio, una settantina di appartamenti, il più grande di Ossona, e le altre villette della via. Particolarmente preoccupante la situazione della famiglia cui appartiene l’altra parte della villetta bifamigliare, il cui valore di vendita diventerebbe pari a zero e non avrebbe quindi possibilità di fuga dalla situazione che certamente si creerà. Per le altre case il deprezzamento sarà notevole.

Venegoni e i 12 migranti

Dopo aver letto durante la riunione di giugno il documento in cui il prefetto prometteva che i comuni che firmavano il protocollo sprar sarebbero arrivati la metà dei migranti che erano assegnati in forza al 3 ogni mille abitanti ( cioè 6) il sindaco e l’amministrazione Venegoni si trovano con 12 migranti. Un bello smacco per chi girava per il paese sostenendo che si era firmato il protocollo sprar per governare il flusso e perchè così ne arrivavano 6 al posto di 12.
A Ossona siamo in 4mila e 12 è il numero che sarebbe stato destinato ad Ossona se non avesse firmato il protocollo sprar, con la differenza che, se il sindaco non avesse firmato, non avrebbe cercato loro una casa e magari la villetta di via Olona sarebbe stata affittata, ad una famiglia italiana che aveva subito uno sfratto,  magari a spese del comune, magari in cambio di lavori di ristrutturazione.

Pubblicità

 

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui